calcio

Altri guai per Guerrero: niente rinnovo…della patente

L'attaccante peruviano non riesce proprio a restare lontano dai guai: guida senza patente e rifiuto di sottoporsi all'alcol test. Quanto basta per uno "stop" di dodici mesi al volante.

Redazione Il Posticipo

Guerrero ne ha combinata un’altra: niente rinnovo...della patente. I guai per l’attaccante peruviano non finiscono mai , anche se andrebbe delimitato e rivisto il confine fra quanto sia inseguito dalle disavventure con la giustizia o quanto se le vada a cercare. L’ultima bravata, riportata dal quotidiano Olè, risalirebbe a poche sere fa.

PATENTE – Tutto si sarebbe consumato intorno alla mezzanotte fra il mercoledì e il giovedì a Rio De Janeiro. Il calciatore del Flamengo, dopo il controllo della patente e il rifiuto a sottoporsi all’alcol test, si è visto ritirare per un anno la patente di guida. Del resto se al rifiuto si aggiunge l’aggravante di essersi messo alla guida dell’automobile con la licenza scaduta, beh, difficile non uscire a...piedi dal controllo. Un amico si è sottoposto al test e, essendo negativo, ha limitato i danni. Guerrero però no. Quanto accaduto è sufficiente per una corposa multa, circa 760 dollari, la sospensione immediata della patente per un anno e il sequestro preventivo del veicolo. Del resto, come spiega il quotidiano, secondo la Polizia stradale molto spesso chi non si sottopone all’alcol test è consapevole di aver ecceduto. E chi si avvale della facoltà di non soffiare il palloncino è automaticamente punito.

RINNOVO – Niente di compromettente dal punto di vista del casellario giudiziario, se non che si registra l’ennesimo danno di immagine. Fra l’altro non è esattamente il momento migliore per cacciarsi nei guai, considerando le varie pendenze con la giustizia sportiva. Guerrero ha un contratto sino al 10 agosto con il Flamengo e non si è ancora seduto a parlare con la dirigenza per un rinnovo. In questo senso, il fattaccio avvenuto potrebbe non aiutare l’attaccante peruviano, sebbene la società brasiliana avesse e ha tuttora, secondo Olè, l’intenzione di proseguire il rapporto con il calciatore. Adesso sarà tutto in bilico? Non vi sono certezze, anche perché la situazione di Guerrero è nota. Il calciatore ha potuto giocare i mondiali solo grazie ad un provvedimento “ad interim” che ha sospeso la squalifica per doping in attesa di emettere una decisione definitiva. Ed El Barbaro, 34 anni, non sembra proprio volersi aiutare a passare un finale di carriera almeno tranquillo.