Guardiola su Sancho: “Non credo che tornerà al City, forse con un altro allenatore…”

Guardiola su Sancho: “Non credo che tornerà al City, forse con un altro allenatore…”

Con l’esordio in nazionale, il giovanissimo Sancho è diventato uno degli argomenti più discussi del calcio inglese. E qualcuno ha chiesto a Guardiola se un ritorno all’Etihad dell’esterno del Borussia è da escludere. La risposta di Pep è enigmatica…

di Redazione Il Posticipo

Jadon Sancho è destinato a passare alla storia. Se poi si parla di quella della nazionale di Sua Maestà, missione più che compiuta. L’esterno del Borussia Dortmund è infatti il primo calciatore nato dopo il 2000 a giocare una partita con i Tre Leoni. Ma la storia si fa tanto nel bene quanto nel male. E quindi il giovanissimo e talentuoso ragazzo può diventare…uno dei più grandi rimpianti di Guardiola. Il tecnico catalano, che sin dai tempi della cantera del Barça con i giovani ha sempre avuto un certo fiuto, potrebbe aver sottovalutato il talento del ragazzo, che fino allo scorso anno era al City ma poi, non trovando posto in prima squadra, è stato lasciare andare. E questo potrebbe costare caro a Pep.

SANCHO TORNA? – Lo conferma, come riporta il Guardian, lo stesso manager del City nella conferenza stampa che precede il prossimo turno di Premier League. Normale che, vista la pausa per le nazionali e l’esordio del precoce talento nella squadra di Southgate, più di qualcuno volesse saperne di più sull’addio di Sancho all’Etihad. E soprattutto capire se, eventualmente, sussista la possibilità di un clamoroso ritorno dell’esterno nella rosa dei campioni di Inghilterra. Risposta? Al momento no. E la colpa è…di Pep Guardiola, che sembra anche abbastanza consapevole che finché ci sarà lui in panchina, sarà assai complicato che l’inglese torni a indossare la maglia del Manchester City.

NON CON ME – “Non lo so, nel calcio non si dice mai ‘mai’, ma onestamente non ho idea se questo avverrà. Credo che quando Sancho ha deciso di andarsene da qui era perché non voleva stare al City. E non credo che abbia tutta questa voglia di tornare. Questo è quello che penso ora, poi in futuro chissà. Con una proprietà diversa, con allenatori nuovi…”. Insomma, finché c’è Pep, niente Sancho. Di questo Guardiola sembra essere certo. La domanda però ora diventa un’altra: il figliol prodigo non torna, ma…per scelta di chi? Solo il tempo (o qualcuno dei protagonisti) potrà raccontare per bene una storia che, se Sancho dovesse mantenere le promesse, rischia di diventare…uno dei miti fondativi del nuovo calcio inglese. Nel bene e…nel male.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy