Guardiola, serve una vera impresa: il catalano mai così male, in Premier e non solo…

Guardiola, serve una vera impresa: il catalano mai così male, in Premier e non solo…

Al netto della sconfitta maturata ad Anfield, preoccupa anche la partenza di Guardiola. Mai così male da quando allena il City. E anche lui, da buon “barcellonista” ha i suoi bravi problemi con Anfield…

di Redazione Il Posticipo

Dopo la sconfitta per 3-1 contro il Liverpool, Guardiola deve fare i conti con la realtà. E al netto delle polemiche arbitrali, qualcosa, in questo City, non torna. Il tecnico catalano appare in seria difficoltà. Il City, fra l’altro, non sembra neanche più forte della squadra di Klopp, anzi. Quanto basta per far suonare l’allarme rosso in casa dei Citizens. Anche perché si tratta del peggior avvio di sempre dell’era Guardiola da quando l’ex allenatore di Barcellona e Bayern Monaco si è trasferito in Inghilterra.

ANFIELD – Il Barcellona, dicono, ha la sindrome di Anfield. Da quando ha perso nello stadio del Liverpool, non ha più trovato continuità lontano da casa. Beh, da buon catalano, anche Guardiola sembra essere stato contagiato dalla “maledizione”. Anzi, forse è lui ad aver portato il…virus in Catalogna. I suoi precedenti, infatti, sono da incubo: 0-1, 3-4, o-0, e 1-3 nei quattro precedenti in Premier. E un netto 0-3 nel 2017/2018 quando la sfida è stata “esportata” in Champions.

IN RITARDO – Preoccupa anche il rendimento generale della squadra. Da qualsiasi prospettiva si voglia osservare, Guardiola non è mai stato così in basso in classifica da quando allena il Manchester City. E in generale è la sua peggiore partenza da allenatore. La sua peggiore classifica in assoluto, sino alla sconfitta maturata ad Anfield, è stato un terzo posto dopo dodici giornate, nella stagione 2016/2017. E comunque erano stati totalizzati più punti. 27 contro gli attuali 25.

PRECEDENTE – I tifosi del City, tuttavia non possono disperare: nonostante il vantaggio del Liverpool sembri enorme, con la legge dei tre punti basta poco per rimettersi in pista. In fondo i Reds sono distanti 3 vittorie. Nella scorsa stagione Guardiola si è ritrovato a – 8. Ed è riuscito comunque a vincere il titolo, rosicchiando tutti i punti che servivano agli avversari, anche grazie a qualche passo falso di troppo del Liverpool, forse più concentrato nella corsa alla Champions, poi conquistata. Resta da capire se Guardiola ripeterà nell’ennesimo miracolo o se stavolta dovrà arrendersi…

 

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy