Guardiola: “Non ho cambiato portiere per scelta. Ilicic ha fatto molto bene a lasciare la gamba. Io in Italia? Forse… “

Guardiola: “Non ho cambiato portiere per scelta. Ilicic ha fatto molto bene a lasciare la gamba. Io in Italia? Forse… “

Il Manchester City fa tutto da solo. Va in vantaggio sbaglia un rigore, perde il portiere, finisce in inferiorità numerica e poi fa melina nel finale.

di Redazione Il Posticipo

Il Manchester City fa tutto da solo. Va in vantaggio sbaglia un rigore, perde il portiere, finisce in inferiorità numerica e poi fa melina nel finale. Una serata non da Guardiola, ma che può trovare alcune giustificazioni.

LIVERPOOL – La squadra è apparsa un po’ svogliata e poco concentrata. La consapevolezza di avere comunque ampiamente in pugno il primato del girone e la supersfida in programma ad Anfield contro il Liverpool evidentemente possono aver influito sul risultato. Senza nulla togliere, però, ai meriti e al coraggio di una Atalanta totalmente diversa rispetto all’andata. Ecco le parole di Guardiola ai microfoni di Sky Sport: “Non mi era mai capitato di schierare tre portieri ho avuto un po’ di preoccupazione. Si poteva pensare il peggio ma abbiamo reagito bene. Ilicic ha fatto molto bene a lasciare la gamba.”

SODDISFATTO  – Evidentemente il rigore sbagliato da Jesus ha condizionato la gara. Sullo 0-2 si sarebbe potuto interpretare il match su binari più consoni: ” Sicuramente è rosso. Sappiamo che loro sono molto pericolosi nell’uno contro uno abbiamo sbagliato poco e il risultato è stato molto buono conoscendo l’Atalanta. Il primo tempo abbiamo giocato benissimo, loro sono stati molto grintosi, e dovevamo chiuderlo nel primo tempo. A volte è meglio non vincere tutte le partite. Ho fatto tante cavolate (eufemismo) come allenatore, ma non ho mai cambiato un portiere per scelta. La Champions è molto duro. Impossibile sottovalutare gli avversari. Voi conoscete meglio di me l’Atalanta, fare quattro punti contro di loro è stato un grande successo per noi”.

PROSPETTIVE – Chi sa se Guardiola tornerà in Italia. “Forse. Sarebbe piacere venire in Italia ad allenare. Mi sono trovato bene anche se adesso mi trovo molto bene in Inghilterra. Non sono così vecchio ancora ho giocato con Capello e con Mazzone. Potevo venire io? Adesso? Avevate informazioni sbagliate”…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy