Guardiola cala il tris in Carabao Cup: “Non me lo sarei mai immaginato, eguagliarci sarà difficile per tutti”

Guardiola cala il tris in Carabao Cup: “Non me lo sarei mai immaginato, eguagliarci sarà difficile per tutti”

Il Manchester City ha battuto l’Aston Villa nella finale di Wembley e ha alzato il primo trofeo della stagione. Pep Guardiola ha festeggiato il successo, arrivato in un momento particolarmente delicato della sua avventura sulla panchina dei Citizens

di Redazione Il Posticipo

Sergio Agüero apre, Rodri chiude: in mezzo il gol di Mbwana Samatta. È successo tutto nel primo tempo ed è bastato ai campioni d’Inghilterra in carica. Il Manchester City ha battuto l’Aston Villa 2-1 a Wembley e al fischio finale ha alzato la Carabao Cup 2019-20, suo primo torneo stagionale. Gli uomini di Pep Guardiola hanno conquistato il trofeo per la terza volta di fila: la scorsa stagione hanno battuto il Chelsea di Maurizio Sarri, l’anno prima hanno avuto la meglio sull’Arsenal di Arsene Wenger. I Citizens si sono aggiudicati gli ultimi quattro tornei nazionali tra Premier League, FA Cup e Carabao Cup: un grande risultato, ma soprattutto un record difficile da eguagliare per chiunque.

TANTI TROFEI – Guardiola ha festeggiato il suo sesto trofeo in Inghilterra, a cui vanno aggiunte due Community Shield. Il manager si è complimentato coi suoi uomini nel post-partita, come riporta il Sun: “Penso che sia straordinario aver vinto otto degli ultimi nove titoli in Inghilterra, sarà difficile per chiunque farlo di nuovo. Significa che siamo stati coerenti. Questo gruppo di giocatori è speciale. Abbiamo dimostrato di essere presenti in ogni partita. Tutti sanno di aver la responsabilità di vincere. Sergio ha vinto 13 titoli qui, è fantastico. Lascia un’eredità pesante al prossimo attaccante del City”.

COME UN SOGNO – Guardiola pensa che le sue quattro stagioni all’Etihad Stadium abbiano lasciato un’eredità pesante e crede che i trofei conquistati abbiano permesso al City di raggiungere un altro livello. Il catalano è stato sorpreso persino dai suoi giocatori: “Non avrei mai potuto immaginarlo. Tanti vincitori della Premier cadono dopo aver vinto il campionato, magari finiscono quinti o sesti o settimi, noi invece siamo ancora secondi e abbiamo sette punti di vantaggio da chi è terzo, questo conta qualcosa”. Sulla stessa lunghezza d’onda Raheem Sterling: “Io non ne ho mai abbastanza. Abbiamo fatto il nostro lavoro perché siamo professionisti. Il campionato è stato molto difficile quest’anno. Finora abbiamo vinto solo un titolo, ma siamo in corsa per altri due. Siamo concentrati. Continueremo a provare a vincere altri trofei”. Sterling parla come Pep, l’allenatore che ha cambiato per sempre la storia del City.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy