Guardiola al vetriolo: “Sarcastico? Ho solo ringraziato l’arbitro… “, Klopp non vuole essere primo a novembre

Guardiola al vetriolo: “Sarcastico? Ho solo ringraziato l’arbitro… “, Klopp non vuole essere primo a novembre

Non sono mancate le polemiche per alcune decisioni prese dal direttore di gara Michael Oliver e dai suoi assistenti. Al fischio finale Pep Guardiola è andato a congratularsi con arbitri e guardalinee e le polemiche non sono mancate nemmeno nelle conferenza post-partita

di Redazione Il Posticipo

Nove punti di svantaggio dopo appena dodici giornate: adesso per il Manchester City c’è una montagna da scalare e la vetta si chiama Liverpool. Nella sfida di Anfield però non sono mancate le polemiche: prima del gol di Fabinho che ha portato i Red in vantaggio c’è stato un tocco di mano da parte di Alexander-Arnold sul cross di Bernardo Silva (6′), ma il direttore di gara non ha giudicato falloso l’intervento. Nel finale lo scenario si è ripetuto: altro potenziale fallo di mano di Alexander-Arnold (86′), anche in questo caso non è stato assegnato il tiro dal dischetto.

PEP POLEMICO – Guardiola è orgoglioso per quello che ha fatto la sua squadra contro il City: “Congratulazioni a Klopp e alla sua fantastica squadra. È stata una bella partita. Ci abbiamo provato, rispettiamo Anfield, abbiamo creato tante occasioni. È lo stadio più difficile del mondo. Non dimenticherò mai i quarti di finale di Champions che abbiamo giocato qui… Sono orgoglioso dei miei giocatori”. Il manager del City non ha voluto polemizzare: “La stretta di mano all’arbitro? Non sono stato sarcastico, ho detto ‘grazie mille’. Non voglio parlare della Var. Non fatemi domande, fatele a loro, vi possono rispondere. Andremo alla riunione della Uefa e discuteremo di queste cose. Ora pensiamo alla gara col Chelsea”. Guardiola non si è sbilanciato per il titolo: “Se lo ha già vinto il Liverpool? Chiedetelo a Klopp, 9 punti sono tanti”.

“DUE GOL INCREDIBILI” – Di tutto altro tenore la conferenza stampa del manager dei Reds: “Battere il City è molto difficile per chiunque, non devi permettergli di giocare perché sono i migliori quando lo fanno”. Klopp si gode le prodezze dei suoi giocatori: “Abbiamo segnato due gol incredibili, non penso di averne mai visto uno come quello di Salah. Abbiamo sofferto, ma siamo riusciti a controllare la gara fino al 75′ . Poi eravamo stanchi”.  I Reds sono imbattuti dopo dodici giornate, Klopp però non fa proclami: “Non pensiamo di poter chiudere la stagione senza sconfitte. Dopo la sosta giochiamo contro il Crystal Palace. Non sentiamo la pressione, la gente dirà che questo titolo può perderlo solo il Liverpool, ma non importa. È pazzesco avere 9 punti in più rispetto alla City, ma chi vuole essere il primo all’inizio di novembre?”. Klopp non si fida e fa bene visto come è andata lo scorso anno.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy