Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Grifo, appuntamento rimandato: “Ci riprovo, voglio esserci in Qatar”

FLORENCE, ITALY - NOVEMBER 11: Vincenzo Grifo of Italy runs off the ball during the international friendly match between Italy and Estonia at Stadio Artemio Franchi on November 11, 2020 in Florence, Italy. (Photo by Claudio Villa/Getty Images)

Vincenzo Grifo ha scritto, per certi versi, una pagina storica del Friburgo. Sua l’ultima rete della squadra segnata allo Schwarzwald-Stadion, lo stadio della Foresta Nera destinato a chiudere definitivamente dopo la vittoria...

Redazione Il Posticipo

Vincenzo Grifo ha scritto, per certi versi, una pagina storica del Friburgo. Sua l'ultima rete della squadra segnata allo Schwarzwald-Stadion, lo stadio della Foresta Nera destinato a chiudere definitivamente dopo la vittoria sull'Augsburg per 3-0. Il ragazzo continua a impressionare in Germania e spera di convincere Mancini a prenderlo ancora in considerazione, magari questa volta in toto, e gli regali il sogno Mondiale. Le sue parole sono riprese da una intervista rilasciata a tuttomercatoweb.

ORGOGLIO - Grifo, uno dei pupilli di Mancini, è un orgoglio italiano all'estero. "Ho chiuso la storia del Friburgo nel suo vecchio stadio con un gol su rigore. Un grande onore. Il nostro stadio era meraviglioso, regalava esperienza uniche. Era bellissimo giocarci. Era un po' stretto e in discesa, molto spesso i nostri avversari non erano felicissimi di giocarci. Diciamo che c'era il fattore campo, comprensivo della spinta straordinaria del pubblico. Spero di non esordire nel nuovo stadio, perché l'amichevole con il St. Pauli arriva in concomitanza con le convocazioni di Mancini".

FLORENCE, ITALY - NOVEMBER 11: Vincenzo Grifo of Italy runs off the ball during the international friendly match between Italy and Estonia at Stadio Artemio Franchi on November 11, 2020 in Florence, Italy. (Photo by Claudio Villa/Getty Images)

NAZIONALE - A proposito di nazionale. Un rapporto particolare con la maglia azzurra. Ha più presenze con l'Italia... che in Italia: "Vestire l'azzurro è qualcosa di straordinario. Ci ho sempre creduto anche non giocando in Italia. Ricordo ancora la gioia provata al momento della prima convocazione. Ho lavorato tutta la carriera per giocare in nazionale e posso continuare a farlo solo giocando bene con il Friburgo".

PROSPETTIVE - Grifo ha solo sfiorato la convocazione per la spedizione trionfale di Euro 2020. "C'era una grandissima atmosfera nel gruppo, oltre a enormi qualità. Si era creato un ambiente molto familiare, si percepivano i presupposti per una grande impresa. Dal punto di vista professionale sono felicissimo di aver fatto parte del gruppo, seppur fra i pre convocati. Resto molto grato a Mancini, ha creduto in me. Sono stato felicissimo che la nazionale abbia vinto. Così come non dmenticherò mai i gol segnati con l'Estonia". C'è ancora tempo per salire sull'aereo per il Qatar. "Ovviamente ci spero. E posso promettere che darò il massimo di me stesso per riuscirci".