Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Griezmann, ritorno al Wanda tra i fischi? “Ci ha traditi e ingannati, ora è uno come tutti gli altri…”

MADRID, SPAIN - APRIL 08: Antoine Griezmann (L) of Atletico de Madrid competes for the ball with Sergio Ramos (R) of Real Madrid CF during the La Liga match between Real Madrid CF and Club Atletico de Madrid at Estadio Santiago Bernabeu on April 8, 2018 in Madrid, Spain. (Photo by Gonzalo Arroyo Moreno/Getty Images)

Quella contro il Porto sarà la prima partita casalinga della seconda esperienza rojiblanca di Griezmann. E visto come il francese si è lasciato con il pubblico colchonero, c'è davvero da aspettarsi di tutto, come spiega il portavoce dei tifosi...

Redazione Il Posticipo

A Madrid, sponda Atletico, si prepara una serata particolare. E non solo perchè i Colchoneros si presentano alla Champions League 2020/21 come campioni di Spagna in carica, ma perchè quella contro il Porto sarà la prima partita casalinga della seconda esperienza rojiblanca di Antoine Griezmann. E se a Manchester il ritorno di Cristiano Ronaldo è stato uno spettacolo pieno di amore e di speranze, al Wanda Metropolitano l'accoglienza per il francese potrebbe non essere delle migliori. Come ha spiegato a L'Equipe il presidente dell'associazione dei tifosi dell'Atletico Madrid, le ferite lasciate dall'addio del Piccolo Diavolo due stagioni fa non si sono ancora rimarginate.

FISCHI - E quindi, c'è da aspettarsi di tutto. "Parte del pubblico lo fischierà, questo è sicuro, sia quando annunceranno il suo nome che quando toccherà il pallone. Una minoranza invece lo applaudirà. E nonostante non mi sia piaciuto quello che ha fatto e non mi piaccia ricordarlo, prima o poi lo perdonerò. Come lo farà la maggior parte dei tifosi, perchè fischiare uno dei nostri calciatori è come spararsi su un piede". È ancora viva dunque la delusione dei tifosi Colchoneros... "Ci ha fatto male il suo addio e soprattutto il modo in cui se n'è andato, su questo i tifosi sono tutti d'accordo. Abbiamo la sensazione di essere stati traditi e ingannati, come quando il tuo partner ha un'altra persona. Eravamo tutti uniti e lui cercava di andarsene altrove alle nostre spalle, lo abbiamo vissuto come un tradimento. Quello di cui lo incolpiamo è di aver giocato con i nostri sentimenti. Nonostante tutto quello che ha detto, non è stato poi così fedele ai nostri colori".

DOLORE - Il ritorno di Griezmann, quindi, non porta così tanto entusiasmo. Anzi, nei suoi confronti c'è un certo disincanto, che può trasformarsi addirittura in tristezza."Prima era il nostro idolo, ora è un calciatore come tutti gli altri e non rappresenta molto. La sua immagine si è gravemente deteriorata, siamo ancora tutti feriti per quello che ha fatto. Il nostro dolore lo curerà il tempo. E lui dovrà recuperare la nostra fiducia e il nostro amore, dipende da lui redimersi ed essere perdonato. Come può fare? Segnando. Quando farà gol importanti, pian piano le cose torneranno alla normalità. Perchè Griezmann può tornare a essere il grande calciatore che era, di questo sono convinto". Ma chissà se fischiarlo sarà il modo migliore di spronare il transalpino...