Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Griezmann e l’accoglienza al Barça: “Messi non mi ha ancora chiamato, mentre Suarez sì e mi ha fatto…”

Da ormai quindici anni, Messi vuol dire Barcellona e Barcellona vuol dire Messi. La prima regola per una buona permanenza in blaugrana è quindi...andare d'accordo con lui. E Griezmann? Che rapporto avrà con l'argentino? Al momento...non si sa,...

Redazione Il Posticipo

Da ormai quindici anni, Messi vuol dire Barcellona e Barcellona vuol dire Messi. La Pulce, dunque, non si arrabbierà se si sostiene che la prima regola per una buona permanenza in blaugrana sia andare d'accordo con lui. Nel corso degli anni, molti degli addii celebri (a partire da Ronaldinho, passando per Ibra e arrivando a Neymar) al Camp Nou sono stati giustificati da un non idilliaco rapporto con l'argentino. Vero o no, di certo entrare nelle buone grazie del 10 è un punto a favore, come dimostra la grandissima amicizia (nonostante una rivalità nazionale molto sentita) della Pulce con Luis Suarez.

MESSI - E Griezmann? Che rapporto avrà con Messi? Lo scorso anno alcune sue presunte confidenze ("non volevo essere il secondo di Messi") dopo La Decision suggerivano che il timore di dover essere il secondo violino dell'argentino avesse suggerito al Piccolo Diavolo di rimanere all'Atletico. Ora però il francese è un giocatore del Barça e quindi dovrà per forza...interagire con il suo capitano. Lo ha già fatto? No. Lo ha dichiarato lui stesso, come riporta Goal: "Messi non mi ha ancora chiamato". La domanda è lecita: c'è qualcosa che non va? Macchè, l'argentino è semplicemente ancora in vacanza a ricaricare le pile, come conferma Mundo Deportivo. E avrà tutto il tempo di sentire il nuovo acquisto.

SUAREZ - Cosa che invece, come conferma Griezmann, ha già fatto Luis Suarez. "Luis mi ha telefonato e mi ha fatto i complimenti". Ma del resto, visto il rapporto di amore che c'è tra il Piccolo Diavolo e l'Uruguay (anche grazie ai buoni uffici di Godin, il miglior amico del francese), era quasi inevitabile che fosse il Pistolero a dare il benvenuto al transalpino. Per il resto, Griezou sembra essersi già ambientato bene nell'ambiente blaugrana, anche se nei primi allenamenti i compagni hanno fatto a gara...a fargli tunnel su tunnel. "Il gruppo mi ha accettato e sono felice di dividere lo spogliatoio con loro". Poi, quando arriverà Messi...si vedrà!