Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Gremio, in campo con le mascherine per protesta

Il club brasiliano è sceso in campo per giocare la sua partita a porte chiuse ma non ha rinunciato a una forte presa di posizione

Redazione Il Posticipo

L'emergenza sanitaria legata al Covid-19 ha paralizzato il calcio in Europa, ma non del tutto in Sudamerica. In Brasile, esattamente come in argentina, le autorità non hanno ancora chiuso i battenti, o lo ha fatto solo in parte. Partite a porte chiuse per i tifosi, ma i calciatori scendono ugualmente in campo. Evidentemente controvoglia, al Gremio, così come riporta TNT

PROTESTA - La squadra brasiliana è scesa regolarmente in campo per la sfida contro il Sao Luiz. Per la cronaca, la sfida si è chiusa sul 3-2 per i padroni di casa, ma il risultato finale passa in secondo piano rispetto a quanto si è visto prima del fischio iniziale. La Gremio Arena è completamente vuota, ma i giocatori hanno trovato il modo di far sentire la loro voce. In segno di protesta, sono scesi in campo indossando le mascherine. Un segnale che lascia poco spazio alle interpretazioni.

APPOGGIO - La squadra, affidata a una vecchia conoscenza del calcio italiano, Renato Portaluppi, si è schierata apertamente contro la decisione della Federcalcio locale. Allo status quo, come riportato dal portale sudamericano, a Porto Alegre si registrano cinque casi. Un numero esiguo, ma la storia ha insegnato che il virus è contagioso e non va sottovalutato. IL Gremir chiede da tempo che le autorità fermino il calcio brasiliano sino a quando vi sarà emergenza sanitaria, ma il braccio di ferro sembra destinato a durare ancora per qualche tempo. L'ultima parola non è ancora stata pronunciata, ma i principali leader del Brasile dovrebbero presto riunirsi per stabilire se e come continuare.