Greene racconta il match con il Milan: “Hanno mostrato classe e rispetto. Ibra mi ha detto ‘Zlatan ti regala la maglia, farà felice tuo figlio'”

I rossoneri hanno incontrato lo Shamrock Rovers nei preliminari di Europa League e sono tornati da Dublino con la qualificazione. Ma non solo, anche con parole al miele da parte degli avversari. A fare i complimenti alla squadra di Pioli è Aaron Greene, che ha anche vissuto un momento indimenticabile con Ibra

di Redazione Il Posticipo

Il calcio è rivalità, ma anche rispetto. Soprattutto quando si vince. E pazienza se le squadre che si incontrano sono di livello inferiore, al punto che un pareggio o una sconfitta sarebbero risultati umilianti. Bisogna sempre scendere in campo considerando gli avversari come propri pari. Questo è quello che ha insegnato al Milan l’esperienza in Irlanda. I rossoneri hanno incontrato lo Shamrock Rovers nei preliminari di Europa League e sono tornati da Dublino con la qualificazione. Ma non solo, anche con parole al miele da parte degli avversari. A fare i complimenti alla squadra di Pioli è Aaron Greene, che ha parlato all’Irish Star Sport.

MAGLIA – Greene, nonostante la sconfitta, ha terminato il match con il sorriso, perchè è stato protagonista di un gesto che ha fatto il giro del mondo: Zlatan Ibrahimovic gli ha regalato la maglia, che è stata immediatamente girata a suo figlio, che fa il raccattapalle per il club. “Stavo tornando in difesa per un calcio di punizione e ho gettato l’occhio dietro la porta, Zlatan mi chiede ‘cosa guardi?’. Gli ho spiegato che mio figlio Jack era lì a fare il raccattapalle e lui mi ha detto ‘Zlatan ti regala la sua maglia, farà felice tuo figlio'”. Ma non è solo questo siparietto ad aver attirato l’attenzione di Greene. Il calciatore della squadra irlandese ha sottolineato un atteggiamento generale da parte dei rossoneri che forse non si aspettava.

CLASSE – Anche e soprattutto visto quello che era successo nel turno precedente. Il match contro l’Ilves Tampere è finito 3-1 per lo Shamrock, ma non si è distinto per sportività. “I giocatori finlandesi ci hanno preso a parolacce, ci hanno trattato di m***a. Non ci hanno rispettato, sono stati un gruppo di arroganti. “. Cosa che, al contrario, i milanisti non si sono neanche sognati di fare. “Il Milan ha mostrato classe in campo e fuori e ha dimostrato perchè è un club così importante”. Insomma, i rossoneri sono tornati dall’Irlanda con la qualificazione e con qualche nuovo tifoso in più. E Greene è tornato a casa con la maglia di Ibra per suo figlio…

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy