calcio

Grattatine, palloni intoccabili, litri di caffè e guai a entrare in campo: Sarri, una vita…di scaramanzie

Di Marte...non si parte. Forse, l'ennesima scaramanzia di Maurizio Sarri, un marchio di fabbrica del tecnico. Nulla può essere lasciato al caso, soprattutto se gli allineamenti celesti hanno fatto sì che la partita precedente sia stata vinta...

Redazione Il Posticipo

(Photo by Filippo Alfero - Juventus FC/Juventus FC via Getty Images)

Sarri alla Lazio? C'è da aspettare almeno...mercoledì. E chissà che lo stop non sia dovuto a un vecchio detto: "Né di Venere né di Marte, non si sposa non si parte, né si dà principio all'arte". Del resto, il tecnico toscano è parecchio superstizioso. Un lato di Sarri che hanno sottolineato in molti. Nulla può essere lasciato al caso, anche a costo di...cambiare numero di scarpe. Basterebbe pensare che alla Sangiovannese, Sarri non si tagliava le unghie dei piedi perché pensava che tagliarle avrebbe portato sfortuna. A fine stagione probabilmente le calzature gli stavano piccole, ma il club toscano ha potuto festeggiare la promozione! Ma c'è poco da sorprendersi: in quanto a scaramanzie, Sarri non lo batte davvero nessuno!