calcio

Grandi fughe: quando gli allenatori salutano in fretta… e cambiano squadra!

Redazione Il Posticipo

 (Photo by Evren Atalay/Anadolu Agency/Getty Images)

"Non c'era accordo con la dirigenza sul mercato": così Antonio Conte ha giustificato il suo addio improvviso alla Juventus nell'estate 2014. L'allenatore leccese ha lasciato la Vecchia Signora per restare fedele ai suoi ideali evitando di scendere a compromessi... e non è rimasto con le mani in mano! Quell'estate infatti è arrivata la chiamata della Nazionale italiana che Conte ha guidato negli Europei 2016 fino ai quarti di finale.

Potresti esserti perso