Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Gotti sfida l’amico Sarri: “La vita sa sorprendere. E anche se le altre sembrano più attrezzate, la Lazio…”

Gotti sfida l’amico Sarri: “La vita sa sorprendere. E anche se le altre sembrano più attrezzate, la Lazio…” - immagine 1
Amici, ma anche rivali. Il match di Serie A tra Lazio e Spezia mette di fronte Maurizio Sarri e Luca Gotti, due che hanno lavorato assieme e che ora si affrontano all'Olimpico. E il tecnico dei liguri fa il punto...

Redazione Il Posticipo

Amici, ma anche rivali. Il match di Serie A tra Lazio e Spezia mette di fronte Maurizio Sarri e Luca Gotti, due che hanno lavorato assieme, potendo mostrare come prova della loro fruttuosa collaborazione l'Europa League vinta ai tempi del Chelsea. Ora il campionato li...costringe a sfidarsi, con la consapevolezza che la Lazio è in un buon momento di forma e che lo Spezia è riuscito a ripartire con la vittoria contro la Samp subito prima della sosta. In conferenzastampa Gotti fa il punto su quanto si aspetta dal match dell'Olimpico, senza dimenticare il rapporto con il collega...

Sarri e la Lazio

A partire dalla scelta di non seguire Sarri alla Juventus, che di fatto ha lanciato la sua carriera da primo allenatore. "La vita è così, sa sorprendere, a volte una cosa che sembra negativa diventa positiva e viceversa, è complicato decidere cosa è bene e cosa è male. La storia è cambiata in questo verso. E non è detto che a livello assoluto sia un bene". Ora Sarri allena la Lazio, che può sognare in alto in un campionato che sembra assai livellato. "La Lazio ha giocatori di primo livello, anche se altre squadre sembrano più attrezzate sul lungo termine. Ma è lo stesso ragionamento che si è fatto l'anno scorso col Milan, i campionati presentano crocevia che moltiplicano le cose negative e le cose positive...".

La sosta e le assenze

La sosta ha creato qualche problema a Gotti, che infatti si lamenta..."Queste due settimane abbiamo avuto parecchie assenze e abbiamo pagato dazio alle nazionale, con tre calciatori infortunati. Tra una cosa e un'altra abbiamo parecchi calciatori indisponibili, o comunque con minutaggio limitato, li porterò con me e sfrutterò ogni possibilità. E comunque, si va sempre in campo in undici...". Ora è il momento del tour de force prima del mondiale. Ma niente sguardo alla classifica... "Non è più il tempo delle tabelle, da qui a novembre abbiamo nove partite tra campionato e coppa e dovremo giocare". Magari cominciando dal fare bella figura con il...maestro Sarri...