Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Gotti: “Fiorentina avversario particolare, dovremo leggere i momenti della partita”

Lo Spezia torna al Picco: arriva la Viola, una sfida molto sentita.

Redazione Il Posticipo

Dopo la sconfitta e la solenne arrabbiatura rimediata a Salerno, lo Spezia di Luca Gotti torna al Picco, dove ha costruito la sua classifica. Di fronte, la Fiorentina di un ex non troppo amato, Vincenzo Italiano. Il tecno ha parlato in conferenza stampa analizzando scenari e prospettive legate alla sfida con la Viola.

PUNTI

—  

Sfida molto sentita, in Liguria. Un motivo in più per non concedersi passi falsi dopo un punto fra Empoli, Cremonese e Salernitana. L'effetto - Picco sarà garantito. "Ci è capitato diverse volte di andare sotto in casa ma con la spinta del pubblico questa squadra ha sempre reagito. Fuori casa invece, a Monza e Salerno, non è successo. Evidentemente il Picco trascina una squadra che essendo molto giovane vive di entusiasmo.  La Fiorentina è un avversario particolare e ne siamo consapevoli, ma è anche una squadra che non fa differenze fra casa e trasferta.  Ci saranno momenti in cui la Viola avrà il controllo del pallone e dovremo essere in grado di mettere in campo le nostre armi. E non escludo di giocare in modo più prudente nelle scelte e negli atteggiamenti in campo il che non significa rinunciare a giocare. Occorre saper leggere i momenti delle partite, abbiamo anche discusso sul modulo, possiamo giocare a tre o a quattro durante la partita".

SCELTE

—  

Gotti si sofferma anche sui singoli e svela anche qualcosa sulla formazione.  "Gyasi ha giocato da quinto e da seconda punta. A Salerno ha giocato un primo tempo di qualità, sono contento di come si allena, farà parte della partita. Agudelo da mezzala si trova spesso a galleggiare dove c'è spazio, la sua evoluzione procede. Gli manca il gol, un po' come a tutti e senza la soddisfazione della rete è facile perdersi un po'. Per quanto riguarda Ekdal mi piace l'idea che possa giocare insieme con Bourabia, aiuteranno la squadra ad avere equilibrio a coprire il campo. Verdi e Reca sono in fase di ripresa anche se a volte stanno benissimo e altre c'è un passo indietro. Bastoni proverà ad affettare i tempi, spero di riaverlo a Milano mentre per Kovalenko se ne parlerà a gennaio".