Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Gosens: “Noi abbiamo qualcosa che l’Inter non ha. Nell’Atalanta segnano tutti”

MILAN, ITALY - NOVEMBER 26:  Robin Gosens of Atalanta BC in action during the UEFA Champions League group C match between Atalanta and Dinamo Zagreb at Stadio Giuseppe Meazza on November 26, 2019 in Milan,  (Photo by Marco Luzzani/Getty Images)

L'esterno goleador analizza i temi della sfida di San Siro.

Redazione Il Posticipo

"Monday night" di gala fra Atalanta e Inter. Una sfida che potrebbe dire molto sia sul futuro del campionato che sulle ambizioni dell'Atalanta. Gasperini è stato chiaro. La sfida è "allenante" in vista del Real Madrid. Affrontare una squadra come l'Inter è la chiave per entrare in ottica Champions. Gosens si spinge anche oltre: ritiene, come riportato da Bergamo TV, che la Dea possa vincere a San Siro.

SQUADRA - L'esterno sta vivendo una stagione straordinaria: e ritiene che il segreto della sua straordinaria prolificità sia legato a una peculiarità di gioco che appartiene solo all'Atalanta. E che neanche l'Inter ha. "Noi come squadra in questo momento stiamo giocando molto bene. Prendiamo pochi gol e andiamo in gol con molti uomini. Credo sia una nostra caratteristica. L'Inter non ce l'ha. Loro giocano soprattutto in contropiede con Lukaku e Lautaro, mentre l'Atalanta ha un gioco diverso. Noi entriamo con  sette giocatori in area di rigore e per i nostri avversari è molto difficile difendersi".

 BERGAMO, ITALY - MARCH 03: Robin Gosens of Atalanta BC celebrates his goal during the Serie A match between Atalanta BC and ACF Fiorentina at Stadio Atleti Azzurri d'Italia on March 3, 2019 in Bergamo, Italy. (Photo by Emilio Andreoli/Getty Images)

TITOLO - Il tedesco non nasconde le proprie ambizioni in vista della serata di gala alla Scala del calcio. "Credo che la sfida possa essere decisa da qualche episodio, ma noi andiamo a San Siro con grande fiducia. Possiamo vincere". Tre punti cambierebbero gli scenari. "Non siamo certo noi a dover vincere lo scudetto,  e non è detto che pur vincendo ci riusciremo. Tuttavia, vincendo andremmo a sette punti e rientreremmo in gioco. E a quel punto potrà succedere di tutto anche perché una nostra vittoria sarebbe un segnale forte da dare anche a tutte le squadre che inseguono".

FUTURO - Resta da capire se questa sarà la sua ultima stagione a Bergamo: "Mi sto riconfermando ad alti livelli e questo per me è la cosa più importante. Non so cosa potrà accadere nella prossima estate, non sono in grado di predire il futuro. Però posso dire, anche se so che è una frase fatta, che sono molto felice qui a Bergamo. Questa per me è diventata una seconda casa".

Potresti esserti perso