Gli ultras del Psg avvisano Neymar: “Ha umiliato il club, il suo percorso di redenzione sarà lungo”

Gli ultras del Psg avvisano Neymar: “Ha umiliato il club, il suo percorso di redenzione sarà lungo”

Brutte notizie per il brasiliano rimasto al Psg dopo un’estate in cui è stato a un passo dal ritorno al Barcellona lasciato nell’estate 2017. Il gruppo di maggioranza degli ultras del club francese ha ribadito che perdonare il giocatore non sarà facile

di Redazione Il Posticipo

La stagione di Neymar si annuncia lunga e complicata. Il brasiliano è stato a un passo dal ritorno al Barcellona: alla fine però l’affare è saltato e il giocatore è rimasto a Parigi da separato in casa. Società e compagni di squadra hanno probabilmente chiuso un occhio aspettando la prossima sessione di mercato per saperne di più sul suo futuro. I tifosi del club francese invece restano fermi nelle loro posizioni perché non hanno preso bene il comportamento di O Ney.

PUGNO DURO – Come riportato dal Mundo Deportivo, il gruppo di maggioranza degli ultras del Psg ha assicurato che l’atteggiamento nei confronti del giocatore non cambia e che perdonarlo non sarà facile. Neymar vedrà di nuovo i tifosi oggi nella sfida in programma oggi contro lo Strasburgo al Parco dei Principi: ci si aspetta un’altra manifestazione di dissenso nei suoi confronti dopo quella già vista all’esordio della squadra in campionato contro il Nimes.

IL COMUNICATO – Gli ultras del club francese hanno rilasciato un comunicato in cui hanno ribadito che “il percorso di redenzione di Neymar sarà lungo” e hanno ribadito il loro appoggio nei confronti di tutti quei tifosi del Psg arrabbiati col giocatore “che adesso non ha più il diritto di sbagliare”. Secondo i firmatari di questa nota, il brasiliano “ha ripetutamente mancato di rispetto al club, a volte addirittura lo ha umiliato”. La terza stagione di Neymar al Psg si annuncia complicata: al brasiliano segnare e far vincere la squadra adesso potrebbe non bastare.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy