Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Gli spagnoli sono preoccupati: non riconoscono il Kosovo e da quelle parti li attende…un ambiente ostile!

(Photo by Denis Doyle/Getty Images)

Il sorteggio dei gironi di qualificazione ai Mondiali in Qatar ha creato molto più di qualche grattacapo agli spagnoli, in campo ma anche dal punto di vista politico. La Spagna non riconosce il Kosovo come stato, il che crea...parecchie tensioni!

Redazione Il Posticipo

Anche nel calcio, le cattive notizie non vengono mai sole. Dopo la sconfitta contro la Svezia di qualche giorno fa, non troppo mitigata dalla facile vittoria contro la Georgia, Luis Enrique si ritrova a giocare la prossima partita in un ambiente che definire ostile...è poco. Il sorteggio dei gironi di qualificazione ai Mondiali in Qatar ha infatti creato molto più di qualche grattacapo agli spagnoli anche dal punto di vista politico. Come noto, infatti, la Spagna non riconosce il Kosovo come stato. E il motivo ha poco a che vedere con lo sport e anche... poco con il Kosovo, a dirla tutta.

POLITICA - La Spagna è fra i paesi che non riconosce il Kosovo come un paese indipendente. Una vicenda che, come riportato da AS, affonda le radici in una questione più interna che da affari esteri. Tutto nasce, infatti, dalla questione catalana. Il governo di Madrid è stato più volte scosso dalle vicende legate alla Catalogna. E proprio in virtù di quanto accade in una regione dalla vocazione indipendentista, il governo spagnolo, in occasione della nuova strategia UE nei rapporti con i Balcani occidentali, ha inviato il proprio "no" a Bruxelles affermando che il Kosovo non andrebbe trattato come un processo di allargamento ma come un caso particolare, per evitare nuove rivendicazioni catalane. In situazioni di scontro politico tra due entità, di solito si chiede di evitare l'accoppiamento nei gironi, come avviene per esempio tra Russia e Ucraina o, restando alla Spagna, con Gibilterra.

 LISBON, PORTUGAL - OCTOBER 07: Luis Enrique, manager of Spain holds the ball in the dugout during the international friendly match between Portugal and Spain at Estadio Jose Alvalade on October 07, 2020 in Lisbon, Portugal. (Photo by Octavio Passos/Getty Images)

AMBIENTE OSTILE - In Spagna però qualcuno...si è dimenticato di chiedere alla UEFA di non inserire il Kosovo tra le nazionali "indesiderate" e il sorteggio ha fatto il resto. Muriqi e compagni non potevano incrociare Bosnia-Erzegovina Serbia o Russia. Ed essendo stati sorteggiati nel gruppo dove giocava la Serbia, sono "scivolati" direttamente al successivo disponibile. Proprio quello della Spagna. Gli iberici comunque ci hanno messo del loro a creare attriti, visto che a marzo, in occasione dell'andata (finita 3-1 per gli uomini di Luis Enrique), i profili social delle Furie Rosse hanno presentato la partita contro..."il territorio del Kosovo", facendo infuriare la federazione kosovara, che ha immediatamente chiesto una rettifica. E ora, spiega AS, ci si aspetta un ambiente perlomeno ostile a Pristina, con i tifosi di casa che vogliono trasformare il match in una vera e propria rivendicazione politica. Non proprio quello che ci voleva in un momento che già sul campo non è semplicissimo...