Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Gli allenatori italiani in Premier: vittorie, esoneri e sorprese…spesso tutti assieme!

 (Photo by Daniel Leal Olivas - Pool/Getty Images)

Rino Gattuso prossimo tecnico italiano in Premier League? No grazie, gli Spurs ci ripensano. Eppure, la scuola tricolore è apprezzata, in Premier League ci sono stati 12 allenatori italiani. Che però hanno sempre vissuto...tra trionfo e crollo

Redazione Il Posticipo

Ancelotti

—  

Rino Gattuso prossimo tecnico italiano in Premier League? No grazie, gli Spurs ci ripensano anche a causa dell'ondata social contro l'arrivo del tecnico italiano. Eppure è evidente che la scuola tricolore sia apprezzata in Inghilterra. Nella storia del campionato di Sua Maestà ci sono stati 12 allenatori italiani, che hanno portato in dote alle loro squadre 13 trofei. Il primo, in rigoroso ordine alfabetico, è Carlo Ancelotti. Che ha lasciato l'Everton e ha il compito di scrivere nuove pagine di storia a Madrid, ma alla guida del Chelsea per due anni (2009-2011), Carletto ha vinto una Premier League, una FA Cup e una Charity Shield. Ottimo bottino, ma non abbastanza per farlo ricordare con troppo amore. Il riassunto della storia degli italiani d'Albione: ricca di vittorie, di delusioni...e di sorprese. Che spesso arrivano...nello stesso caso.

Conte

—  

Sempre Chelsea, sempre vittorie, sempre un addio non troppo amichevole. Antonio Conte ripercorre le orme di Ancelotti e quando si siede sulla panchina dei Blues fa centro al primo colpo. Vince la Premier League nel 2017 e l'anno dopo porta a casa la FA Cup, ma poi viene esonerato tra le polemiche. E prima di accasarsi all'Inter, deve anche risolvere la causa con il club inglese per ricevere il pagamento di tutti gli stipendi. Alla fine, il suo esonero costa ai Blues una trentina di milioni.

Di Canio

 WEST BROMWICH, ENGLAND - SEPTEMBER 21: Paolo Di Canio, manager of Sunderland gestures at the end of the Barclays Premier League match between West Bromwich Albion and Sunderland at The Hawthorns on September 21, 2013 in West Bromwich, England. (Photo by Tony Marshall/Getty Images)
—  

Anche Paolo Di Canio, dopo aver giocato in Premier con le maglie di Sheffield Wednesday, West Ham e Charlton, si mette alla prova in panchina. Lo chiama nel marzo 2013 il Sunderland, che deve salvarsi. I Black Cats ci riescono, ma l'avventura di Di Canio termina comunque nel mese di settembre, quando viene esonerato per il pessimo inizio di stagione

Di Matteo

 (Photo by Lars Baron/Bongarts/Getty Images)
—  

La prima delle grandi sorprese in Inghilterra la regala RobertoDi Matteo. L'ex centrocampista del Chelsea resta l'unico italiano ad aver centrato il bersaglio grosso, anzi, grossissimo, da quelle parti. La prima e unica Champions del Chelsea è firmata da lui, che subentra a Villas-Boas nel marzo 2012 e riesce anche a vincere la FA Cup. Non basta però per mantenere il posto e nel novembre dello stesso anno arriva l'esonero.

Guidolin

 SWANSEA, WALES - OCTOBER 01: Manager Francesco Guidolin reacts during the Premier League match between Swansea City and Liverpool at Liberty Stadium on October 1, 2016 in Swansea, Wales. (Photo by Stu Forster/Getty Images)
—  

Non va per niente bene l'avventura inglese a Francesco Guidolin. Il tecnico arriva allo Swansea nel gennaio 2016 e trascina i gallesi a un buon dodicesimo posto nella classifica finale di Premier. Abbastanza per guadagnarsi un biennale, che però finisce a ottobre dello stesso anno, quando arriva l'esonero dopo 4 punti in 7 partite.

Lombardo

 Aug 1998: Portrait of Attilio Lombardo of Crystal Palace at Selhurst Park in London. Mandatory Credit: Allsport UK /Allsport
—  

Prima di diventare lo storico assistente di Roberto Mancini, Attilio Lombardo prova l'ebbrezza di sedere su una panchina di Premier. Gliela offre il CrystalPalace, di cui diventa player-manager nel 1998. Le cose però non vanno benissimo e in capo a due mesi, dopo due vittorie in sette partite, il club decide di riportarlo a fare...solo il calciatore.

Mancini

—  

Strano ma vero, persino l'avventura di Roberto Mancini al ManchesterCity finisce con un esonero. E dire che il tecnico ha portato all'Etihad la leggendaria Premier 2011/12, oltre che una FA Cup e una Charity Shield. Eppure la sconfitta in finale di FA Cup con il Wigan nel 2013 gli è fatale e il CT azzurro viene sollevato dall'incarico.

Mazzarri

—  

Strana l'esperienza inglese di Walter Mazzarri. Che passa alla storia per l'inglese un po'...così e così del tecnico toscano, ma anche per un finale inatteso. Il suo Watford conquista una salvezza tranquilla, ma ancor prima di terminare il campionato arriva la rescissione consensuale, per divergenze con la dirigenza riguardo alle ambizioni del club.

Ranieri

 LEICESTER, ENGLAND - FEBRUARY 27: A large banner says thanks to former Leicester City Manager Claudio Ranieri during the Premier League match between Leicester City and Liverpool at The King Power Stadium on February 27, 2017 in Leicester, England. (Photo by Michael Regan/Getty Images)
—  

La storia più incredibile però non può che essere quella di Claudio Ranieri. Che prima (2000-2004) fa bene al Chelsea, pur non vincendo mai un trofeo, ma viene esonerato. E che poi, dieci anni dopo. arriva a Leicester nel 2015 ed è l'artefice del più importante miracolo calcistico del nuovo millennio. Le Foxes vincono il campionato di Premier League e nella stagione successiva arrivano anche ai quarti di Champions. Peccato che a quel punto Ranieri sia già stato licenziato per un "ammutinamento" degli eroi dell'anno precedente.

Sarri

 BAKU, AZERBAIJAN - MAY 29: Chelsea manager Maurizio Sarri celebrates with the Europa League Trophy following his team's victory in the UEFA Europa League Final between Chelsea and Arsenal at Baku Olimpiya Stadionu on May 29, 2019 in Baku, Azerbaijan. (Photo by Shaun Botterill/Getty Images)
—  

Ultimo in ordine di tempo a vincere...e mollare è Maurizio Sarri. Il tecnico della Juventus arriva a sostituire Conte e a portare il suo Sarriball al Chelsea. In realtà porta anche un trofeo, l'Europa League, ma non basta. Tra frizioni con la dirigenza e il richiamo bianconero, dopo una sola stagione l'allenatore toscano se ne torna in Italia.

Vialli

 20 May 2000: Gianluca Vialli celebrates victory after the AXA FA Cup Final 2000 Match against Aston Villa at Wembley Stadium, London, England. Chelsea won 1-0. Mandatory Credit: Shaun Botterill /Allsport
—  

Il primo a vincere è invece stato Gianluca Vialli, che viene nominato player manager del Chelsea il 12 febbraio 1998,. La squadra vince Coppa di Lega e Coppa delle Coppe e nella stagione seguente arriva anche la Supercoppa UEFA battendo 1-0 il Real Madrid. Alla fine però anche per Vialli, che nel frattempo ha smesso di giocare, arriva l'esonero, nel settembre 2000, per far posto a Claudio Ranieri.

Zola

 COBHAM, ENGLAND - APRIL 17: Gianfranco Zola, Assistant Manager of Chelsea speaks during a Chelsea Press Conference at Stamford Bridge on April 17, 2019 in Cobham, England. (Photo by Harriet Lander/Getty Images)
—  

Ultimo (alfabeticamente) nella lista, Magic Box Gianfranco Zola. Che nella scorsa stagione era vice di Sarri, ma ha avuto anche lui un'esperienza in solitaria in panchina in Premier. La grande occasione gliela dà il WestHam, che lo assume nel settembre 2008. Ma nonostante due salvezze ottenute in assoluta tranquillità, anche Zola viene esonerato per fare posto a Grant nel maggio 2010.