Giulini liquida Zenga: “Vogliamo aprire un nuovo progetto. Di Francesco prima scelta, se accetta…”

Giulini liquida Zenga: “Vogliamo aprire un nuovo progetto. Di Francesco prima scelta, se accetta…”

Il presidente del Cagliari liquida il tecnico prima della fine del campionato.

di Redazione Il Posticipo

Il Cagliari ripartirà senza Zenga. Il presidente Giulini, intervenuto ai microfoni di Sky Sport prima della partita contro il Milan, ha spiegato i motivi della scelta. Ed ha affrontato anche altre problematiche. In primis le partite a porte chiuse. “Gli stadi vuoti sono uno spettacolo desolante e non c’è progettualità. Non possiamo andare avanti così. Si è fatto un grandissimo lavoro per terminare questa stagione e bisogna dare grande merito a chi c’è riuscito ma mi auguro veramente di vedere presto  un cambiamento. Giocare senza nessuno non è calcio. Credo ci siano le condizioni per ritornare agli stadi aperti anche se con le dovute cautele”.

DEVASTANTE – La stagione del Cagliari non è stata comunque digerita. “Oltre al covid-19, questa è stata una stagione devastante, la speranza era lottare per l’Europa e riuscire a competere nelle ultime giornate. C’è una oggettiva delusione, nella stagione del centenario era lecito attendersi qualcosa in più. Maran ha fatto un grande girone d’andata, Zenga ha salvato subito la squadra, ma abbiamo ragionato molto approfonditamente se ripartire con loro ma l’idea è di un nuovo progetto perché io per primo ho perso un po’ di entusiasmo”.

ADDIO –  Zenga liquidato. “Serve un progetto nuovo”. E un allenatore nuovo. “Siete troppo curiosi, ma il nome di Eusebio Di Francesco è un  profilo che ci interessa e potrebbe essere la nostra prima scelta qualora accettasse. Cercheremo comunque di mantenere una rosa competitiva ma cercheremo di far tesoro di questa stagione deludente e allestire una rosa che ci permetta di toglierci qualche soddisfazione. Magari senza esaltarci come nel girone d’andata. Adesso vedremo come ripartire”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy