calcio

Giroud tuona dopo l’arrivo di Higuain: “Il mio futuro al Chelsea è scuro, ma io sono il quarto bomber francese al mondo”

(Photo by Clive Rose/Getty Images)

Prima staffetta tra l'argentino, partito titolare in FA Cup, e il francese campione del mondo in Russia la scorsa estate: l'ex attaccante dei Gunners però non ci sta e lascia intendere che potrebbe partire pur di non fare la riserva del Pipita...

Redazione Il Posticipo

Dentro Gonzalo Higuain, fuori Olivier Giroud... fuori dal campo ovviamente! Maurizio Sarri ha approfittato della partita di FA Cup con lo Sheffield Wednesday per lanciare dal primo minuto il suo pupillo: l'argentino è rimasto in campo per 82' ben figurando, ma facendo anche discutere per aver rifiutato la possibilità di tirare al 26' il calcio di rigore con cui i Blues hanno aperto le marcature (ci ha pensato Willian a trasformarlo). Buona nel complesso la prima del Pipita, anche se la strada è ancora lunga: per abituarsi ai ritmi e alla fisicità del calcio inglese gli servirà del tempo. Chi sembra destinato a non averne più invece è Olivier Giroud, partito dalla panchina in FA Cup.

NIENTE FUTURO - Nella partita vinta allo Stamford Bridge con lo Sheffield Wednesday  (3-0 e passa per gli ottavi in cassaforte), il francese ha dovuto digerito la prima esclusione della sua nuova vita al Chelsea, da quando cioè è arrivato Higuain. L'attaccante campione del mondo si era sfogato ai microfoni dell'emittente francese Canal prima che fosse confermato l'arrivo dell'argentino: "Non riuscirò mai a soddisfare tutti per il mio rendimento. C'è un po' di rimpianto e di frustrazione per come stanno andando le cose. Il pubblico si aspetta un bomber per vedere i goal... Comunque io sono il quarto miglior attaccante del calcio francese e nessuno me lo può portare via". 

HAZARD SÍ, PIPITA NO - Giroud paga una vena realizzativa piuttosto rivedibile in Premier (1 gol in 18 presenze finora). Così lo spazio per lui si è ridotto sempre di più: "Sarri fa giocare a Hazard come falso nueve e questa cosa è dannosa per noi attaccanti. Ma Eden è il miglior calciatore con cui abbia mai giocato... Se il club invece decide di prendere un'altra punta come Higuain, oscurerà di certo il mio futuro al Chelsea". Prima che arrivasse il Pipita, Giroud aveva già aperto di fatto a una possibile partenza: "Non ho mai detto no a un ritorno in Francia. Lione e Marsiglia sono due grandi club. La mia priorità comunque è rimanere in Premier League". Riuscirà a sopportare la concorrenza di Higuain?