Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Giroud tra Italia, Inghilterra e… Francia

L'Inter sembra tornata fortemente sul giocatore del Chelsea, che però, secondo quanto riportato oltrmanica, ha anche altre offerte dalla Premier. E sullo sfondo... gli Europei.

Redazione Il Posticipo

Il futuro di Giroud è sempre incerto e con ogni probabilità segnerà le ultime ore di calciomercato. Secondo quanto riportato da Football London, l'Inter sarebbe tornata alla carica con il giocatore, avendo anche un accordo di massima, ma la concorrenza è abbastanza feroce.

INGHILTERRA - Giroud ha avuto poco minutaggio del Chelsea, complice anche una certa incompatibilità con le idee di Lampard e l'esplosione di Abraham che ha spinto il tecnico a puntare sul gioiello cresciuto in casa. Difficile, dunque, ipotizzare che resti in blues sino a giugno, ma non è escluso che possa restare in Inghilterra. Nelle ultime ore, secondo Football London, il calciatore avrebbe ricevuto una offerta da parte del Newcastle. Sullo sfondo si muove anche l'Aston Villa,

ITALIA -  Se fosse Italia, invece, tutto lascia credere che Giroud possa vestire il nerazzurro. Conte ha spesso espresso il suo placet tecnico alla trattativa. Anche l'accordo, secondo le ultimissime, sarebbe in dirittura d'arrivo: si parla di un contratto che lo legherebbe a Milano per i prossimi due anni e mezzo. I club, però, devono trovare una formula che renda tutti soddisfatti. Il Chelsea vuole almeno 8 - 10 milioni. L'Inter non andrebbe oltre i 5...

FRANCIA - E poi c'è il capitolo Francia. Non inteso come campionato, ma come Nazionale. Deschamps ha sempre  ritenuto il centravanti un punto fermo nel suo scacchiere tattico, anche di fronte alle critiche e alle prestazioni di Benzema che invece non è mai convocato. Chiaramente un impiego continuativo renderebbe ancora più giustificabile, da un punto di vista squisitamente tecnico, la chiamata per il prossimo Europeo. Un treno che il centravanti non vuole perdere. Lo stesso commissario tecnico francese pensa che lasciare Londra, per lui, sia la soluzione migliore possibile.