Giggs, trapianto di capelli…per colpa del pallone: “Il calcio è stressante. Ed io ero un po’ paranoico al riguardo…”

Giggs, trapianto di capelli…per colpa del pallone: “Il calcio è stressante. Ed io ero un po’ paranoico al riguardo…”

Liverpool-Manchester United, una partita che racconta tantissime storie. Di campo, ma anche di vita vissuta. Dopo una partita contro i Reds, Giggs si accorge che sta cominciando a perdere i capelli. E ora che si è sottoposto al trapianto può parlare apertamente di una questione che lo ha segnato molto…

di Redazione Il Posticipo

Liverpool-Manchester United, una partita che racconta tantissime storie. Di campo, ma anche di vita vissuta. Ryan Giggs ha giocato parecchie volte contro i Reds, ma di certo non dimenticherà mai la partita del 2003 ad Anfield. I Red Devils vincono, ma il gallese perde qualcosa di importante: la sicurezza riguardo al suo aspetto fisico. Quel giorno Giggs si accorge che sta cominciando a perdere i capelli. E ora che si è sottoposto al trapianto, racconta il Mirror, può parlare apertamente di una questione che lo ha segnato molto, nonostante non rientri esattamente nella sfera dei problemi tipici di chi gioca a calcio.

CADUTA – Tutto comincia dopo un match contro i Reds. “Avevamo vinto e io ero contentissimo. Sono andato al pub e mi aspettavo che tutti i miei amici mi dicessero ‘ehi, ben fatto’. Ma quello che è ricevuto è stato un ‘accidenti amico, ti stanno cadendo i capelli’. È stato un po’ uno shock. Sì, sono uno di quei tipi che non l’ha presa bene. Anzi, ero anche un po’ paranoico al riguardo, soprattutto quando le partite andavano in TV oppure quando pioveva”. Una soluzione c’è. Abbastanza radicale, ma necessaria. “Avevo quasi trent’anni e fin dall’inizio della mia carriera, da quando ne avevo una ventina, ho sempre avuto tanti capelli ricci. Ed ecco perchè ho cominciato a tagliarli più corti, perchè mi sembrava che così sembravano di più. E per molti anni per me è stato un dramma doverli tagliare sempre di più”.

STRESS – Da cosa è dipeso? Predisposizione, certo, ma anche il pallone ha avuto la sua parte nel processo, come spiega Giggs. “Il calcio è stressante. Sei tu che metti te stresso sotto pressione, sai bene quali sono le conseguenze se si perde una partita o se giochi male. Sei sotto i riflettori e se non fai una buona partita non hai modo di sfuggire alle critiche. E quindi diventa tutto più stressante e lo stress è un fattore importante nella perdita dei capelli”. Finalmente, dopo anni a rimuginare sul problema, il gallese ha optato per il trapianto. Una scelta già fatta da Rooney ai tempi dello United. Che è valsa a Wazza qualche presa in giro, ma anche una maggiore serenità con se stesso. Così come per Giggs. “Wayne è stato molto coraggioso ad averlo ammesso pubblicamente. Ci sono ancora quelli che si sentono veri uomini, che non lo farebbero mai nella vita e che ti dicono ‘tu non sei un vero uomo’. Ma io sono contento di aver fatto il trapianto. L’unico rimpianto è non averci pensato prima”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy