Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Giacinti come Altafini e… Bobo Vieri

MILAN, ITALY - MARCH 28: Valentina Giacinti of AC Milan at the end of the Women Serie A match between FC Internazionale and AC Milan at Suning Youth Development Centre in memory of Giacinto Facchetti on March 28, 2021 in Milan, Italy. (Photo by Marco Luzzani/Getty Images)

Anche se la Morace non è più l'allenatrice del Milan, è stata una stella della nazionale italiana. E la sua "allieva" Valentina Giacinti, la ricorda da vicino. Bomber di razza, l'attaccante rossonera che ha iniziato palleggiando con la testa...

Redazione Il Posticipo

Mi manda Carolina. Anche se la Morace non è più l'allenatrice del Milan, è stata una stella della nazionale italiana. E la sua "allieva" Valentina Giacinti, la ricorda da vicino. Bomber di razza, l'attaccante rossonera che ha iniziato palleggiando con la testa delle...bambole e seguendo i consigli del nonno. E nel derby, la ragazza ha deciso di ispirarsi a un altro ex illustre rossonero. Josè Altafini.

BAMBOLE -  Del resto una che da bambina staccava la testa delle bambole e ci palleggiava, ha i crismi della predestinata. 27 anni compiuti da poco, 200 gol in carriera. Quando i gol diventano pesanti, lei c'è. E apre la strada al successo del Milan nel derby, roba che, a qualsiasi livello, fa sempre piacere. Esordisce nelle giovanili dell'Atalanta a poco più di undici anni. Sei anni dopo è già titolare inamovibile della Dea, con cui totalizza 36 reti in 61 presenze. Quanto basta per attirare le attenzioni del Napoli. Firma il suo primo contratto importante con la squadra campana, onorato da 19 reti in 34 presenze. E dall'azzurro del mediterraneo a quello del Pacifico il passo è breve. Negli USA a Seattle, 4 reti in sei presenze. La nostalgia di casa è forte. E allora ecco il ritorno, ancora biancazzurro. Mozzanica. Riprende da dove ha finito: segnando a raffica. 107 reti in 113 presenze. Una media impressionante. A Brescia, invece, ne fa "solo" 28 su 35, vincendo comunque la classifica dei cannonieri. Esperienza bissata con il Milan nella stagione che porta al mondiale con 21 reti. Solo nove gol, ma in quindici presenze, nella scorsa stagione. In questa, è tornata ai suoi livelli. Sedici gol, aggancio alla Girelli.

CIP E CIOP - Stupisce chi si stupisce delle prestazioni di una giocatrice che ha grandissima confidenza con il gol. Fra l'altro non è neanche il primo poker. La Giacinti si era presentata alla prima di campionato con il Milan e calare un poker servito nell'economia del 6-0 finale. Come Bobo Vieri, a proposito di bomber, era sospinta dal suo amatissimo nonno: come riporta Calcio Femminile Italiano, a lui dedica ogni rete, memore dei dolci consigli domenicali. Oltre Bobo, la Giacinti è una fervente ammiratrice della Gabbiadini, con cui condivide la terra natia. Tifosissima dell'Atalanta. Amicissima con l'altra Valentina, la Bergamaschi, altra "ragazzina terribile". Nel Milan, sono "Cip e Ciop". A proposito di cartoni animati, la Giacinti, nel suo profilo, ha una foto con un Labrador di nome Sid, ispirato al bradipo dell' "era glaciale". In campo, però, si trasforma.

Potresti esserti perso