Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Germania, che scontro tra Klopp e Mehmet Scholl: “Giudica i giovani allenatori, ma secondo quale criterio? È come se io parlassi di come si fanno le macchine!”

Klopp, in una ideale divisione dei tecnici, non finirebbe certo tra  i "cattivi" del pallone. Il tedesco è amatissimo, anche per una innata simpatia e per quel...sorriso da 64 milioni di dollari che fa sì che gli si perdoni un po' tutto. Ma...

Redazione Il Posticipo

A Natale solitamente si è tutti più buoni e si cerca di comportarsi meglio di quanto si farebbe in circostanze normali. Ma che succede a chi invece è buono...sempre? Beh, può accadere di perdere un po' la testa, soprattutto se vengono coinvolti i propri amici. Jürgen Klopp, in una ideale divisione dei tecnici, non finirebbe certo tra  i "cattivi" del pallone. Il tedesco è amatissimo, non solo per gli ottimi risultati ottenuti con Mainz, Borussia Dortmund e Liverpool, ma anche per una innata simpatia e per quel...sorriso da 64 milioni di dollari che fa sì che gli si perdoni un po' tutto. Ma come ha imparato Mehmet Scholl, meglio non farlo arrabbiare parlando male di un suo amico.

TERZIC - Come riporta la Bild, l'ex calciatore del Bayern Monaco ha espresso un giudizio abbastanza sferzante nei confronti di Edin Terzic, attualmente allenatore del Borussia Dortmund dopo che il club giallonero ha deciso di esonerare Lucien Favre. Scholl ha parlato del tedesco di origini bosniache che, ai tempi in cui Klopp era tecnico del Borussia, si occupava dei ragazzi delle giovanili. E non ne ha tracciato un profilo troppo positivo, ritenendolo particolarmente...blando nelle sue dichiarazioni dopo la prima partita in carica. "Non è che ci sia poi tanto in quello che dice, è come se sostenesse che il sole domani tornerà a sorgere. Le sue analisi non hanno nulla di tangibile". Ma Scholl ha imparato che prendersela con gli amici di Klopp...non è una buona idea.

RISPOSTA - Già, perchè l'allenatore del Liverpool ha detto a sua volta la sua...su Scholl. Che dopo un'ottima carriera da calciatore ha tentato di sedersi in panchina, ma con risultati non proprio entusiasmanti. E proprio su questo fatto, Klopp ha fatto leva rispondendo alle critiche dell'ex Bayern nei confronti di Terzic. "Secondo quale criterio Scholl giudica un tecnico? È come se io mi mettessi a parlare di come si costruiscono le macchine, qualcosa di cui non ho idea. Lui si sente libero di criticare giovani allenatori, io di solito non commento certe cose, ma parla sempre di persone che non conosce. Ha provato a fare l'allenatore e non ci è riuscito e ora parla come se avesse la scienza infusa. E dice che non vuole più sentire cose del genere, peccato che fosse la prima volta che la persona in questione parlava...". Insomma, mai toccare gli amici di Kloppo. Che anche a Natale può arrabbiarsi eccome...