Germania, arriva il rigore più assurdo dell’anno: assegnato con la VAR e per colpa… di una riserva!

Germania, arriva il rigore più assurdo dell’anno: assegnato con la VAR e per colpa… di una riserva!

La partita tra Kiel e Bochum ha parecchi protagonisti. L’arbitro, l’ormai immancabile VAR e una riserva della squadra di casa. Che regala al mondo forse il primo penalty causato da un calciatore che al momento del fischio del direttore di gara… non era neanche in campo.

di Redazione Il Posticipo

Per pensare ai premi stagionali forse è già presto. Del resto è solo ottobre, ma ci sono già gol etichettati come rete dell’anno, parate che sicuramente saranno le migliori di un intero campionato e via discorrendo. Ma per il rigore più assurdo c’è già un candidato che difficilmente verrà scalzato dal primo posto. La “perla” arriva dalla partita di Zweite Liga, la seconda divisione tedesca, tra Kiel e Bochum e ha parecchi protagonisti. Ovviamente l’arbitro, l’ormai immancabile VAR e una riserva della squadra di casa. Che regala al mondo forse il primo penalty causato da un calciatore che al momento del fischio del direttore di gara…non era neanche in campo.

FUORI? NO! – Il caso, come spiega AS, nasce al minuto 38, quando il Bochum sta tentando di rimettere la gara in parità dopo il vantaggio dei padroni di casa. Ganvoula tenta una conclusione, ma il suo tiro è fuori misura e si sta tranquillamente spegnendo sul fondo. Se non fosse che da quelle parti si stanno scaldando i calciatori del Kiel e che Michael Eberwein abbia la pessima idea di controllare il pallone per restituirlo al suo portiere e permettergli di battere la rimessa. Tutto assolutamente normale, se il pallone avesse superato del tutto la linea. Ma forse non è così e l’arbitro, il signor Timo Gerach, riceve…una chiamata.

INUTILE – I colleghi alla VAR lo avvisano infatti che è in corso una review dell’azione e quando arriva la conferma che Eberwein ha toccato il pallone prima che fosse uscito del tutto, il direttore di gara non può che assegnare un calcio di rigore al Bochum. Tutto a perfetta norma di regolamento, anche se probabilmente tra gli spettatori ci sarà stata parecchia confusione su cosa stesse accadendo in campo. Ironia della sorte, sul dischetto ci va proprio Ganvoula, che stavolta la porta la centra e porta il match sull’1-1. Rete comunque inutile, perchè alla fine il Kiel passa di nuovo in vantaggio nella ripresa e vince la partita. Eberwein, però, resta in panchina nonostante si fosse scaldato già dal primo tempo. Così la prossima volta…impara a farsi gli affari suoi!

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy