Gastaldello lascia il calcio e il Brescia: “Balotelli sa cosa penso di lui. Tonali ha un futuro ma attenzione…”

Il capitano del Brescia lascia capire alcune dinamiche che hanno segnato la stagione delle rondinelle…

di Redazione Il Posticipo

Gastaldello è atteso da una giornata complicata. Lascia, in un colpo solo, calcio, Brescia e serie A. Il calciatore ha parlato in conferenza stampa e lasciato intravedere alcune dinamiche che hanno segnato la stagione negativa delle rondinelle. Non è mai semplice lasciare. “Giocherò l’ultima partita contro la Sampdoria, ho militato tanto lì e ho vissuto tante emozioni. È difficile esprimere quello che sento dentro, ma sento molta gioia e molta serenità. A Brescia ho vissuto il percorso che volevo. Non c’è nulla di ufficiale, ma rimarrò qui. Cercherò di crescere sotto un’altra veste”.

RETROCESSIONE – Un campionato amaro. “A livello personale mi aspettavo qualcosa in più da questa squadra. Se siamo penultimi vuol dire qualcosa. Non c’è uno solo che ha sbagliato, tutti dobbiamo prenderci la responsabilità. La squadra, dal punto di vista delle presenze in serie A, non aveva molta esperienza. L’idea che ha dato il presidente mi sembra chiara. Credo che tutti i giocatori debbano avere questo spirito di rivalsa”.

BALOTELLI – Inevitabile parlare anche di Balotelli. Gastaldello fra l’altro ha giocato anche con Cassano: “Non li posso paragonare, sono due persone diverse. Sono due giocatori fortissimi che mi hanno impressionato. Poi tutti hanno tutti i propri difetti. Mi dispiace molto per Mario, ero convinto che fosse il giocatore in più per il Brescia in po’ come lo era stato Baggio qualche anno fa. Mi spiace molto per come sia finita, non sta a me giudicare, ci ho parlato a quattr’occhi e sa quello che penso”.

TONALI – L’altro gioiello è Tonali, un po’ meno brillante nel post covid. “La carriera di Sandro è abbastanza segnata. In questi due anni ha fatto vedere tanto. Gli ho dato qualche consiglio: questo mondo ti porta in alto facilmente, ma ti riporta in basso e ti dà le mazzate. Se uno ha dei valori solidi può vivere le oscillazione del calcio in maniera più serena”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy