Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Gasperini: “Vittoria per il club e i tifosi. Si parla tanto dell’Atalanta ma a marcia è buona sin dall’inizio”

Gasperini: “Vittoria per il club e i tifosi. Si parla tanto dell’Atalanta ma a marcia è buona sin dall’inizio” - immagine 1

L'Atalanta centra l'impresa. La Dea per la prima volta della sua storia allo Stadium. viola il campo della Juve e la allontana a -7 dal quarto posto.

Redazione Il Posticipo

L'Atalanta centra l'impresa: la Dea per la prima volta della sua storia allo Stadium. viola il campo della Juve e la allontana a -7 dal quarto posto. Vittoria importantissima in chiave Champions e non solo. La vittoria permette alla squadra di Gasperini di consolidare la quarta posizione e iscriversi anche alla lotta per il titolo. Il tecnico ha analizzato la sfida ai microfoni di DAZN. 

VITTORIA - Vittoria firmata ancora una volta da Zapata. Il colombiano, decisivo come pochi in questo campionato, spinge la Dea verso un risultato storico. "Una vittoria che è un regalo alla società a me e a tutta Bergamo. Partita fisica, combattuta, che la squadra ha giocato perlomeno alla pari. Sull'Atalanta si è parlato male, ma la marcia è buona sin dall'inizio, a volte non abbiamo raccolto risultati in casa, ma non ho mai visto difficoltà. Piuttosto emergenza, ma ci sono stati giocatori bravi ad adattarsi in altri ruoli, ma la squadra ha sempre risposto con ritmi molto buoni sin dall'inizio. Vi sono state partite che abbiamo giocato senza difesa e perso fisicità ma in un calcio del genere, in cui si gioca così spesso, è normale pagare qualcosa. Abbiamo nel nostro DNA la capacità di proporre gioco, se reggiamo anche dal punto di vista fisico cambia parecchio".

CHAMPIONS  - In un campionato così equilibrato, anche la Dea, che ha cambiato meno di tutti e deve ancora recuperare tutti gli infortunati, può recitare un ruolo di primo piano. La Champions è da conquistare attraverso l campionato ma la sensazione è che si possa ambire a qualcosa di più del podio. "Ho la sensazione che riusciamo sempre a fare la partita. Questi anni in Europa ci hanno lasciato in eredità consapevolezza e capacità di giocarcela a viso aperto su tutti i campi. Abbiamo preso anche qualche "scoppola" ma questo ci ha permesso di essere in grado di affrontare squadre di assoluto valore. Ormai siamo in grado di costruire le nostre vittorie e di spostare l'ago della bilancia dalla nostra parte anche in partite equilibrate. Anche questo da fa parte del processo di maturazione di questa squadra. E l'esempio è Zapata, cresciuto a livelli esponenziali in questi anni".