Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Gasperini: “Un po’ delusi come ovvio. Pessina? Due anni fa è stato peggio…”

(Photo by Valerio Pennicino/Getty Images)

La Dea rimanda ancora l'appuntamento con la vittoria di un trofeo.

Redazione Il Posticipo

L'Atalanta deve rimandare ancora una volta l'appuntamento con il trofeo. La Dea gioca una grande finale ma si è arresa a una Juventus che ha indossato tuta e scarpe da lavoro affrontando Gasperini con le sue stesse armi. Intensità, velocità e coraggio. Orgoglio, ma anche comprensibile amarezza nel finale. Il tecnico ha parlato ai microfoni di raisport.

TORTA - Niente ciliegina, per Gasperini che dovrà accontentarsi comunque di una ricca torta. "Un po' di delusione indubbiamente c'è. Non siamo stati fortunati negli episodi, ma abbiamo spinto per recuperarla. Nel secondo tempo la sfida è diventata difficile, loro hanno trovato il gol con Chiesa e poi è scivolata così. Dispiace perché non avevamo preso grandi rischi, invece la rete della Juventus ha cambiato tutto. Su Pessina ho avuto la sensazione che fosse un intervento scomposto. La carica mi pare evidente. Due anni fa era diverso, si sono chiusi gli occhi, quello era un caso da rigore ed espulsione. Questo è un episodio da rigore, ma rientra più nell'interpretazione".

RITMO - Abbassando il ritmo, l'Atalanta perde moltissimo. "Abbiamo subito gol in una fase della partita in cui non sviluppavamo gioco. Il loro gol ha determinato il risultato. La squadra faticava a uscire e a ripartire e dopo aver subito il secondo gol la partita è stata poco giocata. In campo comunque ci sono anche gli avversari. Sono dispiaciuto per i ragazzi, ma devono essere orgogliosi. Hanno giocato a testa alta e ne usciamo benissimo. Non mi sento di rimproverare nessuno".

FUTURO - Resta la consapevolezza di essere ormai stabilmente una grande realtà del calcio italiano. "Vincere lo scudetto in Italia è complesso. L'ultimo è della Sampdoria che era comunque una grandissima squadra. Altri tempi. Adesso è difficile, anche in Coppa Italia vincono sempre le big. Siamo molto felici di potercela giocare alla pari. siamo soddisfatti di essere arrivati a questo livello. Quando si parla di vittorie si pensa solo ai trofei, ma per una società come l'Atalanta anche centrare un obiettivo è una vittoria. E noi ci stiamo riuscendo".