Gasperini, sconfitta amarissima: “Perdere così fa male è un risultato cattivo”

Gasperini, sconfitta amarissima: “Perdere così fa male è un risultato cattivo”

L’Atalanta ci prova sino alla fine e gioca con una intensità diversa rispetto allo Zagabria. Lo Shakthar strappa una vittoria che rende la serata amarissima.

di Redazione Il Posticipo

L’Atalanta è andata più vicino a vincerla, la partita, prima di perderla nel modo più amaro possibile. Un percorso importante, quello della Dea che sfiora a lungo l’idea di cogliere la prima vittoria, colpisce un palo, sbaglia un rigore e viene beffata nel finale. Una notte amarissima per i nerazzurri che, per quanto visto in campo, avrebbero anche rimpianto il pareggio.

SFORTUNA – Una gara per certi versi dominata, sino alla beffa, quasi insopportabile. Ha vinto lo Shakthar in rimonta, una partita che ha fatto di tutto per non perdere. Esperta, scaltra, la squadra ucraina: ha saputo soffrire, perdere anche del tempo quando serviva, e poi ripartire sfruttando l’episodio. Serata amarissima come spiega Gasperini a Sky Sport. “Siamo stati bravissimi, veramente un cattivo risultato. Ci abbiamo messo anche del nostro ma è un momento che non raccogliamo quanto seminato. Un peccato. Andava bene anche un pari per la prestazione. La squadra ha fatto bene, siamo usciti dall’impatto della Champions e abbiamo giocato da Atalanta. Lo Shakthar aveva qualità e velocità sapevamo che era difficile fare tutto perfettamente. Se loro escono diventa difficile rimediare, ma abbiamo tenuto il gioco. Il risultato non valorizza la prestazione, ma è l’unico lato negativo della partita“.

BEFFA- Un palo, un rigore sbagliato, tante occasioni sprecate. Una delusione enorme per l’Atalanta e difficile da gestire. Il finale ha il retrogusto amarissimo della beffa. Amaro e quasi difficile da digerire. Forse De Roon avrebbe dovuto spendere il fallo e accettare il secondo giallo e l’espulsione, a conti fatti. “Ci sono state anche cose positive. Abbiamo giocato la partita che volevamo, pressando come siamo stati capaci di solito. Nel secondo tempo un po’ meno quantità ma conservando buona qualità anche giocando palla a terra. Questo è un livello altissimo, soprattutto a livello di giocatori e intensità. Chiaro che avremmo voluto vincere. Perdere così fa male.  Adesso dobbiamo giocare la competizione per crescere e migliorare sotto tutti gli aspetti. L’unica cosa che non doveva succedere è perdere in quel modo. Prendendo gol al 95. Sono dispiaciuto per i ragazzi“.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy