Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Gasperini: “Creato tanto e raccolto poco come in tutta la stagione. Futuro? Dobbiamo parlare e confrontarci”

Gasperini: “Creato tanto e raccolto poco come in tutta la stagione. Futuro? Dobbiamo parlare e confrontarci” - immagine 1

Gasperini, per la prima volta da quando allena i nerazzurri, non giocherà con la sua squadra un torneo internazionale

Redazione Il Posticipo

Atalanta, serata da incubo. La Dea doveva vincere per sperare nell'Europa ma non è riuscita neanche a centrare la Conference. Gasperini, per la prima volta da quando allena i nerazzurri, non giocherà con la sua squadra un torneo internazionale. Il piccolo dramma sportivo si consuma alla fine di una partita persa dopo aver dominato. Il tecnico analizza partita e annata ai microfoni di Sky Sport. 

AMARA - Quella con l'Empoli è stata una sfida che riassume in 90' l'intera stagione dell'Atalanta. Tante occasioni create, poi la beffa. Bilancio amaro. "Una stagione particolare. Molto positiva nella prima parte con il rammarico dell'eliminazione in Champions. Nella seconda non sono arrivati i risultati ma non sono mai mancati impegno e prestazione. La sfida con l'Empoli rappresenta la fotografia di questo campionato. La squadra ha creato tanto e raccolto pochissimo. Specialmente in casa".

AMORE - Resta la incredibile testimonianza d'amore della tifoseria verso la squadra. "Bergamo ha tanti punti in comune con Genova. La tifoseria ha mostrato un legame quasi viscerale con la squadra a prescindere dal risultato sportivo. La vera forza di questi ambienti è proprio l'amore verso i colori che va oltre il risultato, i giocatori e gli allenatori. Siamo tutti qui di passaggio, quel che resta è l'identità e il senso di appartenenza di una tifoseria".

Gasperini: “Creato tanto e raccolto poco come in tutta la stagione. Futuro? Dobbiamo parlare e confrontarci”- immagine 2

CICLO - A proposito di amore. Resta da capire se l'addio all'Europa possa rappresentare anche la fine di un ciclo. "Sono molto legato a questo ambiente e alla società. A fine stagione è fisiologico essere stanchi ma ci vuole poco per ripartire. Abbiamo percorso tanta strada insieme, adesso si tratterà di incontrarci e di parlare. Ci sono delle situazioni nuove in società, il confronto è necessario. Sarà fondamentale la condivisione. Ho sempre detto che mi rimetto alla volontà del club. Sono grato all'Atalanta e prenderò atto di qualsiasi decisione. Se avremo, come penso, le stesse vedute si ripartirà con nuove motivazioni e ambizioni".