Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Gallardo addio al River fra le lacrime dopo otto anni e 14 titoli: “Tutto finisce, è stato bellissimo”

Gallardo addio al River fra le lacrime dopo otto anni e 14 titoli: “Tutto finisce, è stato bellissimo” - immagine 1
Nessuna squadra all'orizzonte per il tecnico che lascia commosso il club argentino.

Redazione Il Posticipo

Il giorno che ogni tifoso del River temeva è arrivato. Marcelo Gallardo lascia. Dopo otto anni e mezzo e quattordici titoli, è arrivata la notizia che nessuna voleva sentire. Ed è arrivata improvvisa, sorprendente, in una conferenza stampa che è stata organizzata in pochi minuti. Le dichiarazioni del tecnico sono riprese da Olé.

ADDIO

Gallardo non ha lasciato spazio alle interpretazioni e ha cercato di trattenere emozione e lacrime. "Ho già informato la dirigenza che il mio contratto che scade a dicembre non sarà rinnovato. Lascio. È una delle decisioni più difficili della mia carriera e fatico anche ad esprimermi. Al di là della tristezza ho preso una decisione nella massima serenità. Vado per stare bene con me stesso, perché la lunga strada percorsa in questi anni mi rende molto orgoglioso. Voglio ringraziare tutti i tifosi che mi hanno accompagnato in questo percorso. Finisce perché tutto nella vita ha una fine, ed è ora di scrivere questa parola su un ciclo straordinario, indimenticabile. In questo weekend giocherò la mia ultima partita al Monumental. Semplicemente grazie per l'amore e l'affetto che mi hanno dato".

Gallardo addio al River fra le lacrime dopo otto anni e 14 titoli: “Tutto finisce, è stato bellissimo” - immagine 1

FUTURO

Nessuna squadra all'orizzonte. "Mi prenderò una breve pausa, sono qui per ringraziare le persone che mi hanno dato fiducia e l'opportunità di dimostrare la bontà del nostro lavoro. Ringrazio le tante persone che ci hanno accompagnato e supportato in questi anni, con l'obiettivo di crescere e migliorare. Non posso non menzionare lo staff, che mi è stato vicino supportandomi quando ho commesso degli errori. E non dimentico nessuno dei dipendenti e dei calciatori che ho incontrato lungo questo cammino. Essere stato l'allenatore del River è un onore. In questi anni è successo davvero di tutto, ma non si è mai perso lo spirito di sacrificio che ci ha accompagnato in otto anni. Tutto il tempo che si dedica a ciò che ti appassiona non è mai perso. E quello che ho trascorso in questo club è stato bellissimo".