Gago lascia il calcio. Cavallero: “Difficile da accettare, una grande perdita”

L’allenatore del Velez parla della decisione presa dall’ex centrocampista della Roma.

di Redazione Il Posticipo

Gago molla. Il centrocampista del Velez si ritira. Come riportato da Infobae, l’ex calciatore di Real Madrid e Roma ha deciso di appendere definitivamente gli scarpini al chiodo. Una decisione che ha maturato nel tempo e ha comunicato alla fine dell’allenamento ai suoi compagni del Velez.

ADDIO – Secondo quanto riportato dal quotidiano, al termine della sessione di lavoro, Gago ha incontrato i suoi compagni di squadra e gli ha annunciato la decisione. Un addio pesante, il suo: il calciatore, nel corso della sua carriera, ha vinto 16 titoli , tra cui la medaglia d’oro ai Giochi Olimpici di Pechino nel 2008, la Coppa del Mondo Under 20 e una Libertadores con il Boca Juniors. Inoltre, ha sfiorato la vittoria con l’albiceleste ai Mondiali in Brasile nel 2014 e in Copa America nel 2007 e nel 2015.

COPA – Gago aveva un conto in sospeso con la Libertadores, sfuggitagli nel Superclasico con tanto di infortunio nella doppia finale.  Aveva considerato la possibilità di prolungare la sua carriera per tentare di vincerla. Del resto è stato da sempre un tifoso del Boca. La considerava casa sua, dove è cresciuto e si è formato come uomo. Anche se il ricordo più bello è la Recopa. Vinta davanti a suo padre. La testa era comunque al Velez. Fino a che il fisico ha retto. E la ragione lo ha spinto a lasciare.

RITIRO – Pablo Cavallero ha preso atto della scelta. “È qualcosa di difficile da accettare considerando il valore del calciatore di cosa è in grado di fare Gago. Il suo addio è una grandissima perdita. Ha fatto un grande sforzo per riprendersi, mostrando tutto il suo attaccamento alla maglia. La sua idea era quella di ritirarsi  e l’ha realizzata “. Gago ufficializzerà il suo addio in una conferenza stampa, ma chi era vicino a lui già sapeva che aveva preso questa decisione.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy