Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Futre attacca il Chelsea: “Hanno festeggiato quando gli è capitato il Porto, sono disgustato. Ma dovranno sudare sangue…”

(Photo by Octavio Passos/Getty Images)

Come ha dimostrato l'ottavo di finale di Champions League vinto contro la Juventus, il Porto è una squadra che è meglio non fare arrabbiare. E a fomentare ulteriormente la voglia di far bene dei Dragoes arriva un grande ex come Paulo Futre...

Redazione Il Posticipo

Come ha dimostrato l'ottavo di finale di Champions League vinto contro la Juventus, il Porto è una squadra che è meglio non fare arrabbiare. I lusitani sono in grado di creare grattacapi a chiunque e sono guidati da uno che in carriera di battaglie ne ha affrontate tante come Sergio Conceicao. L'ex calciatore della Lazio certamente non sarà felice del trattamento mediatico che gli è stato riservato dopo l'impresa contro i bianconeri, considerando che nessuno...si è degnato di fargli una domanda in conferenza stampa. Dunque, nel quarto di finale contro il Chelsea i portoghesi avranno già il dente avvelenato. Ma a fomentare ulteriormente la voglia di far bene dei Dragoes arriva un grande ex come Paulo Futre.

FESTEGGIAMENTI - Il vice-Pallone d'Oro 1987, con un passato in Italia con le maglie di Reggiana e Milan, si è particolarmente arrabbiato con i Blues. Che colpa hanno gli uomini di Tuchel? Hanno festeggiato quando il sorteggio ha regalato loro proprio i portoghesi. E parlando a CMTV, Futre ha spiegato di essere davvero furioso al riguardo. "I giocatori del Chelsea hanno festeggiato quando hanno saputo che avrebbero affrontato il Porto. Come lo so? L'ho letto sulla stampa inglese e più tardi ho chiamato per avere conferma. E adesso i giocatori del Porto dovranno correre come non hanno mai fatto nelle due partite contro di loro. E sapete perchè? Perchè quelli del Chelsea pensano di avere il passaggio del turno già in tasca. Hanno già fatto festa".

SANGUE - Ma sottovalutare il Porto è una pessima idea, come può testimoniare la Juventus. E Futre sottolinea che l'atteggiamento degli avversari può dare una marcia in più ai suoi connazionali. "Quando ho parlato con la persona che mi ha confermato questa cosa ero disgustato, darei qualsiasi cosa per poter giocare io contro il Chelsea". Impossibile, ma certamente i calciatori di Conceicao non si faranno sfuggire la possibilità di farla pagare ai colleghi. "I giocatori del Porto devono dare la vita in campo. Gli altri pensano di essere già in semifinale, hanno brindato quando gli è capitato il Porto. Poi potranno anche passare il turno, ma per farlo dovranno sudare sangue". Insomma, Tuchel e i suoi sono avvertiti: non sarà di certo una passeggiata di salute.