Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Furto in casa di Ronaldo: tre milioni di refurtiva nella villa del Fenomeno…mentre c’era Verratti!

Furto in casa di Ronaldo: tre milioni di refurtiva nella villa del Fenomeno…mentre c’era Verratti! - immagine 1
Chi è entrato nella proprietà del brasiliano a Ibiza ha...fatto bingo. Il Fenomeno ha subito un colpo milionario all'interno della sua villa nella zona di Cala Jondal, in cui stava alloggiando il centrocampista azzurro

Redazione Il Posticipo

Negli ultimi anni si sono moltiplicati i casi di rapine nelle case dei calciatori. Del resto, sono obiettivi abbastanza semplici per un malintenzionato, considerando che quando ci sono le partite si sa con una certa dovizia di particolari dove questo o quel giocatore si trova in un determinato momento. Il fenomeno dei furti ai danni delle stelle presenti e passate del pallone è aumentato a dismisura, particolarmente in Spagna e in Inghilterra, dove ci sono anche stati casi di minacce fisiche a chi ha avuto la sfortuna di essere in casa quando era stata programmata la rapina. Non è stato il caso del Fenomeno Ronaldo, ma chi è entrato nella proprietà del brasiliano a Ibiza ha...fatto bingo.

Tre milioni di refurtiva

Come spiega il Diario de Ibiza la scorsa domenica l'ex interista, attualmente presidente del Valladolid e del Cruzeiro, ha subito un colpo milionario all'interno della sua villa nella zona di Cala Jondal, a Sant Josep. I ladri hanno approfittato del fatto che in casa non ci fosse nessuno per entrare e portare via oggetti per un totale pazzesco, di circa tre milioni di euro. E per fortuna l'abitazione era vuota, perchè come spiega il quotidiano spagnolo nella casa del Fenomeno c'era il centrocampista del Paris Saint-Germain Marco Verratti e sua moglie Jessica Aïdi, che ci stanno trascorrendo le vacanze. Alla fine solo tanta paura, ma soprattutto un brutto colpo per entrambi, visto che non si sa esattamente quante delle cose trafugate fossero effettivamente di proprietà del brasiliano e quante dell'azzurro.

Precauzioni inutili

Quel che è certo è che la paura aumenta, perchè tutte le precauzioni che i calciatori e i grandi ex prendono per proteggere le loro abitazioni non sembrano servire a molto. Le telecamere, i servizi di sorveglianza e persino cani addestrati pagati oltre 20mila euro non riescono ad arginare un fenomeno che sta prendendo sempre più anche una piega violenta. Può spiegarlo Ashley Cole, legato e minacciato nel gennaio 2020 durante un furto in casa, così come un ex compagno di squadra di Ronaldo, David Beckham, che ha da poco subito un furto nella sua proprietà londinese di Holland Park mentre era con tutta la famiglia. Insomma, in questo caso i soldi non fanno la felicità. Anzi, invitano i malintenzionati...