Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Furia Van Der Vaart contro il Barcellona: “Questa è mafia, va punita”

Furia Van Der Vaart contro il Barcellona: “Questa è mafia, va punita” - immagine 1
La massiccia campagna acquisti condotta da Laporta continua a far discutere.

Redazione Il Posticipo

Che la situazione economica del Barcellona sia cambiata drasticamente negli ultimi mesi grazie ad alcuni stratagemmi economici è noto. Cosi come è innegabile che, con i soldi fruttati dalle operazioni finalizzate a generare liquidità, la mole di acquisti operata dal club catalano abbia sollevato più di qualche polemica fra gli addetti ai lavori. E chi non le ha mandate a dire, anche piuttosto pesantemente, è stato Rafael van der Vaart.

PESANTE

Come riportato da Ziggo Sport, l'ex calciatore olandese ha puntato l'indice sui 150 milioni di euro finora investiti in questa finestra di mercato dal club culé. E si è soffermato anche sui quanto sta accadendo al connazionale Frenkie de Jong, messo sul mercato in attesa di una cessione che sembra aver poco di scelta tecnica. In questa ottica la questione sollevata dall'Athletic, legata alle presunte illegalità sul contratto firmato nel 2020, infastidisce e non poco Van der Vaart che non lascia spazio alle interpretazioni. "Non capisco come diavolo si possano acquistare giocatori quando non si hanno soldi. Raphinha, Jules Koundé, Robert Lewandowski, Franck Kessié e Andreas Christensen sono degli innesti importantissimi. Laporta, quando deve parlare del suo club non si toglie mai il sorriso largo dalla bocca. Quest'uomo pensa di essere il re. Ma penso che sia un bel po' in errore (eufemismo)".

Furia Van Der Vaart contro il Barcellona: “Questa è mafia, va punita” - immagine 1

DE JONG

Inevitabilmente l'analisi si focalizza sul caso legato a Frankie de Jong. "Non è possibile che le persone possano essere trattate in questo modo. Frenkie guadagna troppo? Prima firmi un contratto e poi lo adempi e a quel punto puoi anche decidere di andartene lasciandoti con il club in buoni rapporti, ma non così. Questa è mafia e va punita. Quanto accaduto avrà conseguenze negative per il club. Il nome del Barcellona è segnato in nero sulla mappa del mercato, nonostante sia una squadra in cui tutti vorrebbero giocare ma dopo quanto accaduto in questi mesi credo che d'ora in poi questo club sarà giudicato diversamente. E anche chi giocherà con loro".