Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Friedrich: “Tra Ronaldo e Messi è più difficile affrontare l’argentino”

  (Photo by Alex Caparros/Getty Images)

Ogni tanto qualcuno prova a sciogliere i dubbi: meglio Messi o Ronaldo? Stavolta ci pensa Arne Friedrich: secondo il tedesco, sono sullo stesso livello ma Messi è più tosto da affrontare.

Redazione Il Posticipo

È più di un decennio che se si parla dei vertici del calcio, si parla di due e soli due nomi. Quelli di Cristiano Ronaldo e di Lionel Messi. Non c'è dubbio che abbiano dominato un'epoca di calcio e continuano ad essere considerati i migliori al mondo. Non c'è verso di dirimere la questione su chi sia il più forte: un'annosa dualità che non finirà mai. Eppure, ogni due per tre un calciatore o un ex calciatore cerca di dire la sua a riguardo. Stavolta ci pensa Arne Friedrich: secondo il tedesco, sono sullo stesso livello ma Messi è più tosto da affrontare.

BARICENTRO - Si tratta di due attaccanti: dunque, che si tratti di centravanti, esterni o seconde punte, il parere di un difensore è abbastanza autorevole. Friedrich, ex centrale del Wolfsburg e della nazionale tedesca, oggi direttore sportivo dell'Hertha Berlino, spiega a Goal e Spox che i due giocatori sono sullo stesso livello ma che l'argentino è più difficile da contrastare per via della statura. "Riuscivo a giocare sia contro Messi che contro Ronaldo. Se dovessi sceglierne uno sarebbe Messi, ha un baricentro diverso". Chiaramente, la differenza di statura comporta anche un diverso stile di gioco, la facilità in cui si possono fare dei cambi di direzione esplosivi come quelli di Lionel Messi.

 (Photo by David Ramos/Getty Images)

LO STILE - "Ronaldo è più o meno della mia statura. Sono allo stesso livello ma contro Messi è più difficile difendere per via del diverso stile di gioco". Del resto, si parla di un ex difensore di un metro e ottantacinque centimetri: difficile tenere il passo di Messi e dei suoi repentini cambi di direzione. L'agilità di CR7 lo metteva comunque in difficoltà anche perché dove il portoghese trova il minimo ostacolo fisico, compensa con tecnica e allenamento. L'ex difensore ha parlato anche di altri campionissimi confessando quali siano stati i suoi compagni di squadra preferiti: Klose, Lahm e Kroos. Tutti fortissimi ma...nessuno è come quei due!