calcio

FRASI STORICHE – Matrix reloaded 48.0, in tackle si tutti… anche con la lingua

Redazione Il Posticipo

ROME - MAY 05:  Marco Materazzi of FC Internazionale Milano kisses the cup after the Tim Cup match between FC Internazionale Milano and AS Roma at Stadio Olimpico on May 5, 2010 in Rome, Italy.  (Photo by Paolo Bruno/Getty Images)

ROME - MAY 05: Marco Materazzi of FC Internazionale Milano kisses the cup after the Tim Cup match between FC Internazionale Milano and AS Roma at Stadio Olimpico on May 5, 2010 in Rome, Italy. (Photo by Paolo Bruno/Getty Images)

"All'Inter ho trovato un ambiente che ha saputo apprezzare le mie qualità umane. Ho trovato persone che mi hanno valutato anche negli errori e che mi sono state vicine anche nei momenti di difficoltà"

Al netto delle imprese con la Nazionale del 2006, Materazzi si lega soprattutto ai colori dell'Inter una maglia che sente come una seconda pelle addosso. Ne è diventato simbolo, insieme a Mou, passando alla storia in quell'abbraccio fra "guerrieri" che celebra di fatto la fine del ciclo del tecnico portoghese e ritaglia a Materazzi un posto nella storia dell'Inter. Tanto odiato dai nemici, quanto amato dai tifosi dell'Inter per il suo attaccamento alla maglia.