Frasi storiche – Lavorare con Ibra, pregi e difetti dello svedese visto da fuori

Ibrahimovic esordirà a Sanremo. Amadeus entusiasta. Del resto difficile trovare chi sia scontento dello svedese…

di Redazione Il Posticipo

CAPELLO

 

Quando arrivò a Torino calciava solo forte e male. Consigliai a Zlatan di perfezionare la tecnica di tiro ed ogni giorno si fermava dopo l’allenamento con Galbiati a fare tiri in porta. Fa giocate che solo i fuoriclasse sanno fare e che sono impensabili per gli altri.

Ibrahimovic esordirà a Sanremo. Amadeus entusiasta. Del resto difficile trovare chi sia scontento dello svedese. Il primo a credere nelle potenzialità di Ibrahimovic è Fabio Capello, ma da buon sergente di ferro non si piega di fronte al carattere particolare di Ibra, che, seppur giovanissimo, ha già quintali di personalità da vendere. All’allora tecnico della Juventus importa poco che quel ragazzo così forte, grande e grosso sia suscettibile. Lo fa lavorare sodo come tutti. E raccoglie anche risultati importanti. Sgrezzato, Ibrahimovic diviene uno degli attaccanti più forti al mondo. Il Van Basten del XXI secolo.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy