calcio

Frasi storiche – La politica e il calcio: un rapporto a volte complicato

Redazione Il Posticipo

 WEST BROMWICH, ENGLAND - SEPTEMBER 21: Paolo Di Canio, manager of Sunderland gestures at the end of the Barclays Premier League match between West Bromwich Albion and Sunderland at The Hawthorns on September 21, 2013 in West Bromwich, England. (Photo by Tony Marshall/Getty Images)

“Io fascista? Preferirei evitare le etichette. Ho sempre spiegato come la penso, non è un mistero  Ma se mi chiede delle leggi razziali, dell’antisemitismo, dell’appoggio al nazismo, quelle sono cose che mi fanno ribrezzo. Non rinnego le mie idee, ma il saluto romano sotto la curva Nord. È la cosa di cui mi più mi pento nella mia carriera”

PaoloDiCanio è stato per anni al centro di diverse controversie legate alle sue idee politiche. In diverse interviste l'ex capitano della Lazio spiega di essere cambiato, ma senza rinnegare quello che è stato in gioventù, non avendolo del resto mai nascosto. Un unico rimpianto. Il saluto romano sotto la Curva Nord dopo un derby vinto. Quello per l'ex attaccante... è un errore che non ripeterebbe. Quanto ai suoi tatuaggi, ritiene che facciano parte del suo bagaglio di vita. Errori commessi compresi.