calcio

Frasi storiche – Allegri fra categorie, cortomusi, filosofia, poesia e film…

Redazione Il Posticipo

"Qui vogliono spoetizzare il calcio, soffocare la creatività: è questo l'errore più grande che stiamo facendo. Se togli la poesia, allora tanto vale giocarsela al computer".

Vincere, anche alla Juventus, non basta più. Occorre anche divertire. E così l'allenatore toscano entra di prepotenza  nel grande dibattito degli ultimi anni che vede opposti gli schieramenti legati ai "giochisti" e ai "risultatisti". Allegri appartiene alla seconda categoria. E gli viene contestata una certa propensione a basarsi più sugli uomini che sulla tattica o sugli schemi. Ma proprio perché è un ex trequartista che ha seguito istinto e talento rispetto agli schemi il tecnico bianconero non può che pensarla così. Per Max, il calcio è poesia, è genio, non può essere ridotto all'applicazione di una struttura ripetitiva e ingabbiata in un canovaccio. E alla fine, guardando i risultati, la possibilità che abbia ragione lui sembra abbastanza veritiera...