calcio

Frank Leboeuf entra in tackle su Neymar: “Con me finirebbe in infermeria e se fossi un arbitro…”

L’ex difensore del Marsiglia e della nazionale francese, Frank Leboeuf, ha spiegato quanto Neymar sia fortunato a non avere avversari come lui: “Con me finirebbe in infermeria”.

Redazione Il Posticipo

Ci sono giocatori che restano in piedi dopo i contrasti più duri, che seppur sanguinanti danno tutto per restare in campo, quelli che pur di non lasciare la squadra in inferiorità numerica giocano zoppicando ma anche quelli che dopo un intervento in scivolata, magari anche falloso, si rialzano subito senza fare troppe storie. E poi c’è Neymar Jr. che è sempre più spesso tirato in ballo per le acrobazie fatte dopo essere stato semplicemente sbilanciato dalla sola presenza dell’avversario. Durante la settimana, l’ex difensore del Liverpool, Jamie Carragher gliene ha dette quattro tramite Viasport ma oggi, un ex collega francese si aggiunge al coro. Si tratta di Frank Leboeuf che ha preso a cuore la causa anti-pantomime e vuole dire la sua sull'attitudine di O'Ney.

IMBARAZZANTE - Usando addirittura quasi le stesse parole di Carragher, Frank Leboeuf, durante la trasmissione televisiva “Footissime” ha detto: “Stiamo parlando di uno dei migliori giocatori al mondo ma quanto visto è stato imbarazzante. Se continuerà così per tutta la carriera sarà ricordato per questo e non per il grande giocatore che è”. Leboeuf non si limita a mettersi nei panni degli avversari del brasiliano costretti a fare da spettatori ai suoi “teatrini” ma anche in quelli degli arbitri. “Il fatto è, che se fossi un arbitro non fischierei niente in favore di Neymar perché tre volte su quattro fa cinema, teatro e questo è estenuante e fastidioso per i giocatori”. Certo è pur vero che un giocatore del suo talento sarebbe un vero e proprio bersaglio per interventi assassini, se gli avversari riuscissero a prenderlo come si deve.

SENZA MEZZI TERMINI -  Forse è per questo che O’ Ney si tuffa: anticipa la caduta e esagera un po’ la reazione per evitare che gli avversari gli facciano male sul serio. Ma la cosa sembra interessare poco a Leboeuf, che (è il caso di dirlo) dà a O'Ney il colpo di grazia: “Spiace dirlo ma se avesse giocato nella mia epoca, difficilmente avrebbe terminato le partite. Sarebbe finito in infermeria a forza di simulazioni. Non mi importa chi sia. In nessuna occasione ho visto Mané fare una cosa simile, né Firmino, né Cavani, né Mbappé. Solo lui lo fa e lo ha fatto per tutto il mondiale. Quando la smetterà? Di certo ha fatto una buona partita ma ha fatto i film, era sempre a terra. Non gli importa di cosa pensino le persone”.