Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Francia, rigori indigesti. A Lloris non è bastato un miracolo….

MOSCOW, RUSSIA - JULY 15:  Mario Mandzukic of Croatia celebrates after scoring his team's second goal past Hugo Lloris of France during the 2018 FIFA World Cup Final between France and Croatia at Luzhniki Stadium on July 15, 2018 in Moscow, Russia.  (Photo by Laurence Griffiths/Getty Images)

I tiri dal dischetto rappresentano il punto debole di Lloris. Che in partita ha ritoccato le statistiche. Nella serie, invece, è tornato al suo livello. 

Redazione Il Posticipo

Francia - Svizzera era un ottavo di finale che i blues speravano e volevano risolvere presto e bene. I numeri raccontano, infatti, che questa sfida è spessa finita con un pareggio, proprio come nella fase a gironi di Euro 2016. E proprio come è accaduto contro ogni pronostico e logica, in questo ottavo di finale. I francesi, del resto, avevano un duplice obiettivo. In primis, considerando anche le fatiche accumulate dalla Spagna contro la Croazia, evitare che la sfida si protragga ai supplementari. Tassativo, invece, era evitare i rigori. Specialità che non ha mai portato troppa fortuna alla Francia. Fra l'altro, come riporta le Parisien, i tiri dal dischetto rappresentano il punto debole di Lloris. Che in partita ha ritoccato le statistiche. Nella serie, invece, è tornato al suo livello.

STORICO -  La Francia era già entrata nella storia del torneo contro il Portogallo. Si tratta della prima nazionale a subire due rigori durante lo stesso incontro di un Euro. Cristiano Ronaldo come spesso accade, è stato infallibile. E Hugo Lloris con altrettanta puntualità, è andato dall'altra parte. Il portiere, quando indossa la maglia della nazionale non è esattamente un pararigori. Nel Tottenham ne para uno su cinque. Dal suo debutto in nazionale nell'autunno del 2008, il capitano francese è stato chiamato in causa per neutralizzare la conclusione dal dischetto in 20 occasioni. L'ultima volta era il 2014. Da allora in poi, fino al tiro di Rodriguez, non era andata benissimo: 18 tentativi andati a segno. A peggiorare la situazione, l'ultima stagione. Lloris non era riuscito a respingere nessuno degli 11 rigori subiti dagli spurs.

MIRACOLO - A dirla tutta, il portiere del Totteham il suo l'aveva anche fatto, respingendo il rigore di Rodriguez che ha impedito il 2-0 svizzero e lanciato i suoi verso la rimonta. La Francia però non è riuscita a mantenere il vantaggio e per la prima volta nelle gestione Deschamps si è trovata a giocarsi il tutto per tutto ai calci di rigore. Restava solo da capire come avrebbe reagito Lloris in caso di soluzione dal dischetto dopo aver ritoccato le sue statistiche. E in effetti, non è cambiato molto. Uno ogni cinque. La Svizzera non sbaglia, o Lloris non para. E la Francia va a casa.