Francia, parla l’ex Ministro dello sport. “Gestione del rischio diversa. Vedremo chi avrà ragione”

La Ligue 1 è finita dal 30 aprile. E considerato quanto sta accadendo in Europa, oltralpe ci si chiede se sia stata compiuta la scelta giusta. Jean-François Lamou ritiene che sia ancora presto per saperlo.

di Redazione Il Posticipo

Il calcio è tornato in Germania.  E si sta preparando a farlo in Spagna, in Inghilterra e in Italia. Fra i campionati d’élite solo la Franca è rimasta ferma. sono tornati ovunque. La stagione della Ligue 1 è finita dal 30 aprile. E considerato quanto sta accadendo in Europa oltralpe ci si chiede se sia stata compiuta la scelta giusta. Jean-François Lamour, ex ministro dello sport (2004-2007), come riportato da Le Parisien ritiene che sia ancora presto per saperlo.

 LIONE  – L’ex Ministro dello Sport si è espresso anche sul caso Aulas. “Il presidente del Lione lotta per riprendere la stagione, nel suo legittimo desiderio di difendere gli interessi del club. La decisione presa è stata la più logica nella strategia generale adottata dal Paese. Gli ospedali erano sotto pressione. Eravamo in pieno contenimento, con problemi di reperimento di mascherine e tamponi. Lo sport è legato alla legge ordinaria e in quel momento sarebbe sembrato difficile fare un’eccezione. Non so se possiamo dire se la scelta sia stata prematura. La vera domanda da porsi è  e questa strategia sia quella giusta o no. E se non lo è stata, dobbiamo anche trovare un perché”.

RISCHIO – Germania, Spagna, Inghilterra e Italia hanno scelto un percorso diverso. “In questi paesi, la gestione del rischio non è la stessa rispetto alla nostra.  Il tempo ci dirà se avevano ragione. Il posto del calcio e dello sport professionistico non era considerato una priorità in Francia. Però non penso che il calcio sia più importante in Germania. E non credo che ad Angela Merkel possa essere imposto nulla dalle autorità del calcio tedesco. Comunque ho trovato il discorso di Philippe incoraggiante. Se possiamo giocare di fronte a 5000 persone in uno stadio dal 22 giugno, è già un primo passo. Possiamo sperare che la ripresa della stagione nella Ligue 1 sia ad agosto. Serve ottimismo”.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy