Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Francia, niente bottigliette di plastica allo stadio. Scelta ecologica e di ordine pubblico

Francia, niente bottigliette di plastica allo stadio. Scelta ecologica e di ordine pubblico - immagine 1
Giro di vite in Francia, dopo una stagione calcistica nerissima, caratterizzata da disordini, sospensioni, invasioni di campo, lancio di oggetti, scontri tra tifoserie e lacune nella gestione dell'ordine pubblico.

Redazione Il Posticipo

Giro di vite in Francia, dopo una stagione calcistica nerissima, caratterizzata da disordini, sospensioni, invasioni di campo, lancio di oggetti, scontri tra tifoserie e lacune nella gestione dell'ordine pubblico. Come riportato dal Le Parisien, dal prossimo weekend, si registrerà un primo radicale cambiamento. Quando ci celebrerà il calcio d'inizio della stagione 2022/2023,  sarà vietato introdurre negli stadi bottiglie di plastica. Una scelta legata all'ecologia e alla incolumità.

DECISIONE

Nei suoi nuovi regolamenti, la Professional Football League (LFP) indica che sarà vietato accedere all'interno dell'impianto con qualsiasi contenitore di liquido, dalle bottiglie di vetro alle lattine, comprese le bottiglie d'acqua senza tappo. Questa nuova misura si lega a un doppio fattore. In primis, il rispetto dell'ambiente, per agevolare la raccolta e lo smaltimento dei rifiuti allo stadio. Alla preoccupazione ecologica si è aggiunta anche, e soprattutto, quella della sicurezza. L'idea è di prevenire incidenti e interruzioni  di gare dovute al cattivo comportamento dei tifosi. È stato purtroppo uso comune che le bottiglie di plastica siano state lanciate verso il rettangolo di gioco. Le bevande saranno vendute dai chioschi presenti allo stadio e servite in bicchieri riutilizzabili o di cartone in modo da garantire anche una rapida pulizia degli ambienti.

Francia, niente bottigliette di plastica allo stadio. Scelta ecologica e di ordine pubblico- immagine 2

PRECEDENTE

La LFP, ha utilizzato come metro di paragone la sfida fra Olympique Lione e Marsiglia, quando la sfida è stata interrotta. come è successo regolarmente la scorsa stagione, soprattutto durante l'Olimpico di Lione, quando la partita è stata interrotta per un lancio di bottiglia d'acqua sul capitano del Marsiglia Dimitri Payet prima dell'esecuzione di un calcio d'angolo. Un colpo alla testa che ha costretto il giocatore a ricorrere alle cure sanitarie. In quella occasione il calciatore fu costretto ad uscire con una borsa del ghiaccio sulla tempia ed è stato finito di curare quando le due squadre erano già rientrate negli spogliatoi dopo la decisione dell'arbitro di sospendere il gioco perché non riteneva sufficiente le condizioni di sicurezza.