calcio

Finale Qatar, Deschamps a caccia di Zagallo. Lloris per essere l’unico

Finale Qatar, Deschamps a caccia di Zagallo. Lloris per essere l’unico - immagine 1
Francia in finale e Deschamps insegue un traguardo storico: iscriversi al ristrettissimo club di chi ha vinto la coppa sia da calciatore della nazionale che da CT. E a Mosca insegue due mostri sacri: Zagallo e Beckenbauer...

Redazione Il Posticipo

F come Francia. F come Finale. Come nel 1998, quando Didier Deschamps scende in campo e vince il primo titolo mondiale della nazionale transalpina, avendo anche l’onore di alzare al cielo la Coppa del Mondo da capitano. Ne 2018 il francese completare e riesce ad iscriversi al ristrettissimo club degli allenatori capaci di laurearsi Campioni del mondo dopo aver vinto l’ambitissimo trofeo da calciatore.

BECKENBAUER

—  

In primis, fu il Kaiser. Beckenbauer, come consuetudine, gioca d'anticipo. Campione del mondo nel 1974, bissa il titolo mondiale, questa volta in panchina, dopo appena sedici anni alla guida di una nazionale più "italiana" che tedesca. La Germania gioca fra Milano e Roma, quindi perennemente in casa, considerando la ricca colonia di romanisti e interisti nella rosa della Mannschaft. La squadra di Beckenbauer vince il mondiale imponendosi in sei partite e pareggiando la sfida in semifinale con l’Inghilterra. Cadono Olanda, Cecoslovacchia, Inghilterra e Argentina e a Roma il Kaiser è di nuovo campione del mondo, proprio come a Monaco di Baviera.

ZAGALLO

—  

Eguagliato il Kaiser, resta da raggiungere Zagallo, anche lui campione del mondo con il Brasile sia in campo che in panchina sebbene... a cifre invertite. Il brasiliano, di mondiali, ne ha vinti addirittura due da calciatore, in Svezia nel 1958 e in Cile nel 1962. Troppo facile, con il Brasile di Didì, Vavà e Pelè. Molto più complicata l’impresa nel 1994, quando il CT sfida la stampa che lo definisce catenacciaro e costruisce uno dei Brasile più brutti ma più solidi di sempre.

Finale Qatar, Deschamps a caccia di Zagallo. Lloris per essere l’unico - immagine 1

LLORIS

—  

Occhio anche a Lloris. Il portiere, che in questa kermesse si è già iscritto nella storia del calcio francese diventando il calciatore con maggior numero di presenze nella nazionale francese in generale e nei mondiali in particolari, può ergersi a protagonista assoluto della storia della competizione iridata. Sebbene in tanti possano vantare il doppio titolo mondiale, mai nessuno, neanche calciatori del calibro di Maradona e Pelè, ha avuto l'onore e la gioia di sollevare al cielo due Coppe del Mondo.