Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Francia, Blanc potrebbe tornare ad allenare a Lione. Aulas ci pensa e promette la Champions

(Photo by Mike Hewitt/Getty Images)

Il presidente dell'OL ha parlato del suo legame con l'ex allenatore del PSG e campione del mondo nel 1998. E non ha escluso il suo arrivo.

Redazione Il Posticipo

In Francia, a Lione, Bosz è a un passo dall'esonero. E se Laurent Blanc fosse il futuro allenatore dell'Olympique? Ipotesi che potrebbe diventare tesi. Non è affatto impossibile. "Ci penso". Pensieri e parole di Jean-Michel Aulas rilasciate al microfono di Europa 1 . In un'intervista alla radio, il presidente dell'OL ha parlato del suo legame con l'ex allenatore del PSG e campione del mondo nel 1998.

SFIORATO - I due si erano già sfiorati nell'ottobre del 2019, quando la dirigenza ha deciso di sollevare Sylvinho dall'incarico. In quella occasione, però, Juninho, calciatore storico del club e allora direttore sportivo dell'OL aveva spinto per l'ex allenatore della Roma Rudi Garcia, preferito a Blanc e Gourvennec. Allo status quo, però, il brasiliano ha lasciato il club. E il Lione non naviga in ottime acque. Undicesimo posto in classifica e soprattutto una serie negativa che prosegue già da cinque partite.  Quanto basta per mettere a dura prova la pazienza di Aulas che è tornato a pensare all'ex tecnico del PSG. "Blanc è un ragazzo che ha un'esperienza incredibile, non so se potrà essere il prossimo allenatore, ma ci penso". Bosz, già sfiduciato, perde ulteriore consenso. Aulas precisa la posizione dell'attuale tecnico. "Abbiamo un buon allenatore ma non stanno arrivando risultati. Ci siamo dati tempo sino a febbraio, ma non ho alcuna intenzione di mettere in pericolo il club. Non siamo stupidi né inesperti".

PROMESSA - Di certo, il Lione, nonostante la presenza di un colosso come il PSG non ha smesso di pensare in grande. Il presidente non ha alcuna voglia di passare la mano, anzi rilancia con una promessa alquanto impegnativa. La Champions. "Ho 72 e sono fiero della mia età. Non mi sento affatto vecchio, né mi ritengo un idiota. Ho ancora voglia di prendere iniziative, ho forza e dinamismo necessario per restare alla guida del club. E non ho alcuna intenzione di lasciare, non prima comunque di aver restituito al Lione l'Europa che conta. Stiamo attraversando un periodo complicato in campionato, ma non perderemo la rotta nella tempesta. Sono certo di poter trovare la via per continuare a investire a medio termine per centrale l'obiettivo che abbiamo prefissato.