Follia in Argentina, “Wanchope” Abila minacciato di morte

Follia in Argentina, “Wanchope” Abila minacciato di morte

Il noto calciatore del Boca avrebbe denunciato alle autorità competenti le minacce ricevute.

di Redazione Il Posticipo

Una domenica di terrore per  Ramón “Wanchope” Abila. Il calciatore del Boca, secondo quanto riportato dal sito tn,com sarebbe stato raggiunto telefonicamente e minacciato di morte.

PAURA – La chiamata ha gettato nel panico il calciatore. Il misterioso interlocutore, nella comunicazione, gli ha fornito tutti i dati che potessero terrorizzarlo. L’indirizzo di casa dei suoi genitori, quello dell’abitazione della sua ex compagna e del figlio. Quanto basta, insomma, per andare immediatamente a denunciare l’accaduto. Il giudice ha immediatamente disposto la scorta per mettere in sicurezza la sua famiglia.

TERRORE – La chiamata, secondo quanto riportato dal sito, sarebbe giunta in forma assolutamente anonima. A terrorizzare il calciatore, la precisione assoluta delle informazioni in possesso di chi era dall’altra parte del telefono, che avrebbe anche parlato di rapimento essendo perfettamente a conoscenza, come riferito dallo stesso calciatore, dei movimenti quotidiani del calciatore.

INFORTUNI – Resta da capire se tutto possa risalire alle tensioni derivanti dal superclasico. Il giocatore, fra l’altro, è vittima dell’ennesimo infortunio che, con ogni probabilità, gli costerà il ritorno della semifinale della “rivincita” contro il River Plate. L’attaccante ha giocato senza lasciare il segno nel match di andata giocato al Monumental, quando il Boca è uscito sconfitto per due a zero. Fra l’altro, si era appena ripreso da una delle sette lesioni muscolari che ne hanno limitato il rendimento nelle ultime due stagioni. Basti considerare che solo in questa stagione si è fermato quattro volte ai box e che, fermo restando al Supeclasico, ha giocato solo una delle (sinora) tre sfide in Libertadores. Al Boca sono molto preoccupati per la recidività dei casi. Wanchope, però, evidentemente, avrà anche altro a cui pensare oltre a dover recuperare in tempo per a sfida di ritorno in programma il prossimo 22 ottobre. Ipotesi che appare comunque remota.

0 Commenta qui

Inserisci qui il tuo commento

Recupera Password

accettazione privacy