Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Foden ha fatto… tredici: da Anfield all’Iduna Park, quanti gol decisivi

LIVERPOOL, ENGLAND - FEBRUARY 07: Phil Foden of Manchester City celebrates after scoring their side's fourth goal during the Premier League match between Liverpool and Manchester City at Anfield on February 07, 2021 in Liverpool, England. Sporting stadiums around the UK remain under strict restrictions due to the Coronavirus Pandemic as Government social distancing laws prohibit fans inside venues resulting in games being played behind closed doors (Photo by Jon Super - Pool/Getty Images)

I numeri testimoniano la crescita esponenziale di un giocatore che appare ormai avviato a una grande carriera. 

Redazione Il Posticipo

Foden, il pupillo di Guardiola cresce.  Il suo gol ha chiuso definitivamente i giochi in Premier ad Anfield nella sfida con il Liverpool che ha lanciato il City al terzo titolo in quattro stagioni. E in Champions ha messo a segno due gol pesantissimi che hanno permesso ai Citizens di superare finalmente l'ostacolo dei quarti di finale.  Al netto delle reti messa a segno, la crescita del ragazzo appare evidente. Guardiola gli ha regalato fiducia costante e poi sempre crescente. Il resto ce l'ha messo il talento e la voglia di imporsi di un ragazzo che deve ancora compiere 21 anni ma si e saputo ritagliare con pazienza e determinazione uno spazio importante nello scacchiere di Guardiola. I numeri testimoniano la crescita esponenziale di un giocatore che appare ormai avviato a una grande carriera.

CRESCITA - Il ragazzo evidentemente non teme palcoscenici come Anfield o l'Iduna Park. Impianti che, anche vuoti, generano comunque una certa suggestione. Nessuna, in Foden, autore di una prova maiuscola. Il ragazzo (classe 2000) gioca con la serenità di un veterano e la naturalezza del predestinato. L'esordio con il City risale al 2017-18. E chiude la sua prima stagione con uno score di tutto rispetto per chi è alla sua prima esperienza nel calcio dei grandi. 10 presenze stagionali e un assist. Giusto il tempo di prendere confidenza con la Premier. L'anno successivo la crescita è evidente. Nel 2018/2019 il ragazzo accumula 26 presenze stagionali, sfora quota mille minuti (1107) conditi da 7 gol e sei assist. Migliora sensibilmente nel 2020 quando rastrella 1740' di gioco e inizia a trovare il gol con una certa regolarità. 38 presenze 8 gol e 9 assist.

CONSACRAZIONE  - La scorsa stagione è quella della consacrazione ad altissimi livelli. Foden gioca 38 partite, trova il gol in otto occasioni, ma si fa sentire anche come assist man. Ben nove, i passaggi decisivi. E si arriva alle ultime ore. In questa stagione è andato per la prima volta in doppia cifra. Prima della sfida con il Dortmund aveva giocato 40 partite, sfondato il muro dei 2mila minuti (2631) mettendo a segno 12 gol e nove assist. In casa dei gialloneri ha fatto... tredici spianando la strada verso la semifinale.