Il Posticipo
I migliori video scelti dal nostro canale

calcio

Focolaio Real, sette positivi al covid: c’è anche il figlio di Ancelotti

BARCELONA, SPAIN - OCTOBER 03: Carlo Ancelotti, Head Coach of Real Madrid looks on prior to the La Liga Santander match between RCD Espanyol and Real Madrid CF at RCDE Stadium on October 03, 2021 in Barcelona, Spain. (Photo by David Ramos/Getty Images)

La pandemia colpisce duramente il Real Madrid.

Redazione Il Posticipo

La pandemia colpisce duramente il Real Madrid. La squadra, come riportato da un comunicato ufficiale del club pubblicato attraverso i  profili social, deve fare i conti con un focolaio. Sono stati rilevati a sette positivi al coronavirus. I primi due ad ammalarsi, Modric e Marcelo, hanno iniziato ad avere sintomi di raffreddore martedì pomeriggio, e sono stati immediatamente allontanati dalla squadra. Da allora, il club aveva già preso precauzioni estreme, inasprito il protocollo, che è già molto severo a Valdebebas, e moltiplicato i controlli, che erano già giornalieri.

ALTRI QUATTRO  -  I contagiati  sono Asensio, Bale, Lunin e Rodrygo, e il primo assistente tecnico Davide Ancelotti. In tutti i casi, fortunatamente, i sintomi sono lievi. Ma questi nuovi positivi, insieme agli infortuni di Ceballos e Carvajal, complicano non poco il lavoro di Ancelotti in vista della penultima gara di campionato prima della fine dell'anno e bisognerà valutare, sino ad allora, quale sarà la situazione. Tutte le persone colpite  avevano completato le due vaccinazioni, dunque, come prevede il protocollo potranno giocare di nuovo quando risulteranno negativi al test, senza dover osservare alcuna quarantena.

PRECAUZONI - In virtù di quanto accaduto, il Real Madrid è stato costretto a riprogrammare gli allenamenti. I giocatori sono andati a Valdebebas questa mattina e tutti hanno sostenuto il test senza scendere dal veicolo. Resta da gestire anche un altro problema. Il centro sportivo non è di uso esclusivo del Real di calcio ma di tutte le squadre della Casa Blanca. Dunque vi sono spazi comuni da condividere con la squadra di calcio giovanile e quella femminile, nonché con il Real che gioca a Basket. Trattatasi, di palestre, sale da pranzo e aree ricreative. Scenario che giustifica  il timore che nelle prossime ore possano manifestarsi altri casi.

LIMITE - Il Real scenderà comunque un campo. Il regolamento indicato dalla federazione indica che sino a che sino a che sono disponibili 13 giocatori, la partita deve essere giocata. In questo senso la situazione ricorda quella già vissuta la scorsa stagione dal leader della competizione. L'Atletico ha subito un'epidemia che ha colpito quasi la metà della squadra... e ha finito per vincere il campionato.